Sardara, pranzo con politici e manager: tutti i nomi dei 19 beccati dalla Finanza

Non c’erano rappresentanti della Giunta Solinas, e nemmeno consiglieri. Ma al pranzo di Sardara c’erano tanti esponenti di enti regionali, come il Corpo Forestale, Forestas e Abbanoa, autorità regionali sanitarie come tutti i vertici dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari, qualche militare. Nessuna carica elettiva, ma tante nomine, responsabili di enti e punti di riferimento nei partiti (come il Psd’Az, l’Udc o i Riformatori). La politica non è affatto fuori dalla vicenda, come ha dimostrato ieri l’infuocata seduta d’Aula nel palazzo di via Roma a Cagliari.

I nomi, dopo giorni di indiscrezioni, li fa il quotidiano L’Unione Sarda che per primo ha raccontato la vicenda. I diciannove identificati riceveranno la sanzione di 400 euro, agli altri venti partecipanti che si sono dissolti tra le frasche di Sardara ci penserà la Procura che dovrà far luce anche e soprattutto su una domanda: cosa ci facevano a quel pranzo tutti quei personaggi pubblici?

Chi c’era

Tra loro – come riporta il quotidiano cagliaritano – c’è il colonnello Marco Granari, dallo scorso 1° ottobre comandante del 151° Reggimento Fanteria Sassari. Tra quelli che hanno motivato la propria presenza per ragioni di lavoro c’è il comandante regionale del Corpo Forestale di vigilanza ambientale, Antonio Casula. Le Fiamme Gialle hanno identificato anche Giuliano Patteri, direttore generale di Forestas, Alessandro Naitana, nominato tre mesi fa direttore generale dell’assessorato regionale all’Industria. Identificato anche Abramo Garau, ex amministratore unico di Abbanoa.

Al pranzo – scrive L’Unione Sarda – anche l’intero vertice dell’azienda ospedaliera universitaria di Cagliari: il manager Giorgio Sorrentino, la direttrice amministrativa Roberta Manutza e Paola Racugno, nominata il primo febbraio scorso direttrice sanitaria al posto di Nazzareno Pacifico, andato in pensione. Il direttore generale Sorrentino si è insediato nel settembre 2016 ed è stato nominato con decreto del presidente della Giunta regionale, d’intesa con il rettore dell’università di Cagliari.

Nello stabilimento termale, durante il blitz delle Fiamme Gialle, presente anche il coordinatore dell’Udc della provincia di Cagliari, Andrea Floris. I militari hanno identificato anche il commercialistia cagliaritano Luigi Leone, e poi Antonio e Gian Franco Monni, il primo di Cagliari ed ex presidente di Laore, l’altro di Perdaxius.

Esponenti di spicco

Il quotidiano continua con gli altri nomi: un esponente del Psd’Az del Nord Sardegna, imprenditore e capogruppo consiliare di Porto Torres Bastianino Spanu, identificato assieme al sindaco di Gadoni, Francesco Mario Peddio, e alla sorella Maria. Nel verbale della Guardia di Finanza spicca poi il componente della Camera di Commercio di Cagliari-Oristano, Vitangelo Tizzano, presidente del consiglio di amministrazione di Sogaerdyn, uno dei bracci operativi della società che gestisce l’aeroporto di Elmas.

Anche se al banchetto organizzato al centro termale di Sardara non erano presenti esponenti diretti dell’esecutivo, ora il presidente, che nei giorni scorsi aveva annunciato provvedimenti per chi riveste ruoli pubblici, dovrà essere conseguente nelle sue azioni, come chiesto anche aspramente in Aula dall’opposizione.

Ma è stato poi attraverso la vicepresidente della Regione, Alessandra Zedda, che è emersa la posizione di Solinas: attendere l’esito delle indagini prima di prendere provvedimenti.

 

Total
53
Shares
Загрузка...
Related Posts
Total
53
Share