Il coronavirus negli ospedali, Nieddu: ‘Non sono 200 casi, avevamo sbagliato’

I casi di coronavirus negli ospedali sardi sono 133. Così risulta dalla tabella proiettata stasera durante la videoconferenza ormai quotidiana con il presidente della Regione, Christian Solinas, e l’assesore alla Sanità, Mario Nieddu. Il dato fornito oggi dall’Esecutivo arriva proprio nel giorno in cui Sardinia Post, sul tema dei contagi tra medici, infermieri e operatori socio-sanitari, ha pubblicato i numeri diffusi dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Numeri riferiti alla scorsa settimana e che col 39,2 per cento assegnano alla nostra Isola la maglia nera nazionale (leggi qui l’approfondimento).

Dunque i casi di coronavirus negli ospedali sardi sono 133. L’altro ieri, in un’altra videoconferenza, Nieddu aveva parlato di “oltre 200“. E quando stasera, nel corso della videoconferenza, gli si è fatta notare la differenza, l’assessore ha detto: “Quello dato era sovrastimato, frutto di un errore, perché dagli ospedali ci arrivavamo i nomi dei contagiati, ma non si riferivano tutti al personale sanitario”.

Stando alla tabella della Regione, i contagi sono così divisi: 32 per cento nel Sassarese, pari a 106 infetti su 331; 25 per cento nel Nuorese, corrispondenti in valore assoluto a 13 positivi su 52; 19 per cento  nel Sud Sardegna, che si traducono in 4 contagi rispetto ai 21 complessivi; 11 per cento nella Città metropolitana di Cagliari, cioè 10 infetti a fronte di 83 malati registrati sinora.

A ben vedere, il nord Sardegna, con il Santissima Annunziata di Sassari, l’ospedale civile di Alghero e il Giovanni Paolo II di Olbia, è il territorio più colpito. Le strutture sanitarie rischiano di convertirsi in focolai e per questo lunedì sono arrivati i medici dell’Esercito. Ecco poi il Nuorese: al San Francesco la Regione assegna tra il personale ospedaliero 13 casi di contagi, tuttavia erano 15 lo scorso marzo, sempre stando agli aggiornamenti che diffondeva la Regione (leggi qui). L’unica provincia dove il coronavirus non si è diffuso negli ospedali è l’Oristanese.

Quanto al report dell’Istituto superiore di sanità, tra il 18 e il 19 marzo in Sardegna si registravano 69 positivi tra medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Un 39,2 per cento che, come detto, otto volte superiore all’8,06 di media nazionale. L’Iss pubblica i dati due volte a settimana, un’ottima seconda fonte attraverso cui comparare i numeri regionali. (al. car.)

Total
341
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
341
Share