Sardegna blindata, ordinanza in vigore. Solinas: ‘Ora intensifichiamo i controlli’

È entrata in vigore a mezzanotte l‘ordinanza numero 9 firmata da Christian Solinas ieri sera e diffusa ai giornali poco dopo le 22. “Da oggi e fino al 6 aprile la Sardegna è blindata per tutelare al meglio la salute pubblica”, ha detto il presidente della Regione commentando il provvedimento durante la commemorazione delle vittime del Covid.

Con l’ordinanza di ieri sono vietati gli ingressi in Sardegna ai non residenti per raggiungere le seconde case. Le quali possono essere riaperte solo per motivi di salute, di lavoro e di necessità. Il dispositivo è arrivato sull’onda della protesta, da parte dei sindaci e dei Progressisti in Consiglio regionale, perché il governatore sardo, inizialmente, non aveva alcuna intenzione di frenare gli ingressi. Clicca qui per leggere tutte le regole in vigore sino al 6 aprile.

Ma tanta è stata la protesta che Solinas si è visto obbligato a firmare l’ordinanza, anche perché i sindaci stavano cominciando a farlo da soli, per difendere i rispettivi territori. Solinas era reticente per non fare uno sgarbo al suo mentore politico, Matteo Salvini, che è al governo insieme a Mario Draghi, Pd, Leu e Forza Italia. Non a caso Solinas ha detto oggi: “Penso che il provvedimento messo in campo sia assolutamente in sintonia con l’attuale quadro normativo”.

LEGGI ANCHE: Seconde case, c’è chi difende la salute: ordinanze di 3 governatori, ecco il testo

Il rischio era che per Pasqua ci fossero arrivi in massa. Anche perché la Sardegna è l’unica regione d’Italia in zona bianca. Vuol dire che le restrizioni anti-Covid sono pochissime. Se invece si va in una seconda casa in Lombardia, praticamente non si può lasciare l’abitazione perché lì è zona rossa. Ecco perché trascorrere le feste nell’Isola era appetibile. Ma avrebbe esposto la Sardegna a un aumento dei contagi, come accaduto la scorsa estate.

Solinas annuncia che da oggi i controlli anti-Covid saranno serrati: “Li abbiamo intensificati, dispiegando oltre 800 uomini del Corpo Forestale, 5.500 tra polizia locale e barracelli”. Quanto a porti e aeroporti, il presidente ha detto: “Soono una parte del modello, abbiamo completato con un reticolo sull’intero territorio che verifichi gli spostamenti e chi deve osservare un periodo di quarantena lo farà regolarmente”.

A seguire la sottolineatura: “Non è in atto alcuna caccia allo straniero, tutti sono benvenuti in Sardegna, ma in questo momento abbiamo bisogno di garantire ai sardi e ai nostri amici che intendono venire nell’Isola il massimo della tutela sanitaria. Per questo è necessario che ci sia un senso di responsabilità da parte di tutti nel vaccinarsi o eseguire un tampone che ne certifichi la negatività”. Il test deve essere però molecolare, perché quello rapido non è attendibile.

L’ordinanza 9 è arrivata abbastanza a sorpresa. Nella seduta del Consiglio regionale di martedì, il capogruppo del Psd’Az, Franco Mula, a nome di Solinas e della maggioranza aveva parlato di un’altra strategia. Ovvero quella di chiedere a Roma un aiuto con i controlli. Il Pd era d’accordo col governatore. Di segno opposto di Progressisti di Massimo Zedda e Francesco Agus che hanno chiesto da subito un’ordinanza. Sul fronte dei sindaci, invece, il primo a schierarsi contro la linea della Giunta è stato un primo cittadino di centrodestra (quindi non un nemico di Solinas): precisamente Ignazio Locci, ex consigliere regionale di Forza Italia, la prima fascia tricolore a firmare un’ordinanza comunale prevedendo dieci giorni di quarantena per i non residenti in Sardegna.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
20
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
20
Share