Teulada inquinata, ‘furbata’ dello Stato: norme cambiate per evitare la bonifica

Nel poligono di Teulada il ministero della Difesa – quindi lo Stato – ha prima violato le leggi e poi le ha cambiate per evitare le bonifiche. Così si ricava dall’ordinanza con la quale il pm di Cagliari, Emanuele Secci, ha chiesto al Gip di non procedere contro i capi di Stato maggiore indagati dal 2012 per omicidio colposo, lesioni gravi e disastro ambientale (si chiamava innominato quando otto anni fa cominciò l’indagine). Stando a quanto scrive il pubblico ministero, la Penisola Delta è diventata interdetta, cioè non transitabile, perché l’Esercito non ha mai provveduto a raccogliere i residui bellici sparati durante le esercitazioni andando a configurare, di fatto, il reato di esercizio abusivo della discarica. Non solo: a furia di accumulare il materiale da guerra altamente inquinante, i costi di una eventuale pulizia sono lievitati a tal punto che la zona è stata dichiarata “non bonificabile”. La Procura di Cagliari se n’è accorta nel 2014. Segnalò il fatto al Comando di Stato maggiore. Ma magicamente venne confezionata una legge ad hoc.

La violazione delle norme in materia ambientale ruota intorno a un decreto ministeriale del 2009, datato 21 ottobre e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale sei mesi più tardi, il 15 aprile del 2010. Il Dm ha per oggetto le “Procedure per la gestione dei materiali e dei rifiuti e la bonifica dei siti e delle infrastrutture direttamente destinati alla difesa militare e alla sicurezza nazionale”. Il testo, specificatamente sui poligoni, dà attuazione al Testo unico per l’ambiente, il decreto legisaltivo 152 del 2006. Il quale al comma 5 bis dell’articolo 184 fissa precise regole per il recupero del materiale bellico e il risanamento delle aree militari. Secondo quel Dm del 2009, a partire dal 31 maggio del 2010 a Teulada sarebbe stato compito della Difesa censire “tutti i residui delle esercitazioni per classificarli come rifiuti”, ha scritto il Pm. Non solo: questo passaggio, per legge, è considerato propedeutico al “conseguente divieto di abbandono dello stesso materiale. In altre parole – spiega ancora il pubblico ministero -, la permanenza di tali munizionamenti oltre il limite temporale previsto” dà luogo al reato di discarica abusiva.

LEGGI ANCHE: Militare di leva a Teulada, poi il cancro: “L’inquinamento uccide, cerco la verità”

A Teulada, dove le esercitazioni nella Penisola Delta sono andate avanti sino a settembre di sei anni fa, “i residuati bellici impiegati” erano ancora lì nel giugno del 2014 quando – e si sa soltanto adesso – al direttore del poligono aveva scritto il procuratore della Repubblica. Con un obiettivo: segnalare il mancato rispetto delle norme in materia ambientale. La missiva era arrivata per la precisione al Comando di Stato maggiore dell’Esercito, il quale a sua volta mise una pezza predisponendo “un Piano di intervento ambientale” che prevedeva – ha ricostruito il pm Secci nella richiesta di archiviazione firmata meno di un mese fa – “un approccio graduale consistente in un’indagine preliminare del sito”.

Che fine abbia fatto quel Piano, non è dato saperlo. Il Pm non lo spiega, ma per contro ha certificato che nella penisola Delta “l’inquinamento è irreversibile” e solo tra il 2008 e il 2016 si sono contati 860.624 colpi, tra lanci di bombe e spari di artiglieria. Una pioggia di fuoco fatta anche di missili Milan al torio, quindi “materiale radioattivo che rappresenta un pericolo concreto per l’incolumità pubblica“. Il Pm ha poi sottolineato di aver avuto, a partire dal 2016, una fitta corrispondenza col Primo Reggimento Corazzato di Teulada per ottenere la documentazione necessaria a svolgere l’indagine. Un’inchiesta partita da oltre trenta di esposti, di cui una ventina presentati dagli avvocati Giacomo Doglio Roberto Peara, e gli altri a firma di Caterina Usala, Giuseppe PutzuGianfranco Sollai. Tutti, a fine dicembre, si sono opposti alla richiesta di archiviazione sollecitata dal magistrato inquirente.

LEGGI ANCHE: Il terreno di famiglia vicino al poligono: “A Teulada ci si ammala, io di linfoma”

Di certo proprio dalla ricostruzione del Pm si evince come lo Stato a Teulada ha eluso il rispetto delle norme, grazie alla sua posizione di controllore e insieme di controllato. Infatti: nella Penisola Delta si è tardato talmente tanto a ripulirla, che la Difesa ha preferito dichiararla “non risanabile” e quindi l’ha “interdetta”, cioè ha fatto scattare il divieto di transito perché passarci comporterebbe danni gravissimi alla salute. Stiamo parlando di quattro chilometri quadrati di terra. Ma in virtù di questa negligenza, se così la si può sintetizzare, i direttori dei poligoni – cui sarebbe spettato denunciare il tipo di armi utilizate durante ogni esercitazione – si sono potuti avvalere della cosiddetta “dichiarazione di bonifica“. Significa che nella Penisola Delta è decaduto l’obbligo di censire i residui bellici o rimuoverli. Il Pm scrive infatti che dal Primo Reggimento Corazzato hanno spedito in Procura “713” di quelle dichiarazioni, pari – si desume – al numero delle esercitazioni avvenute tra il 15 maggio del 2008 e il 27 luglio del 2016.

Spetterà al Gip, nei prossimi mesi, provare a sciogliere molte delle contraddizioni che sembrano contenute nella richiesta di archiviazione firmata dal Pm. Per gli avvocati che difendono i malati di tumore, il presupposto certo dell’inquinamento non può essere una condizione di impunibilità. I legali puntano a un supplemento di indagini, specie per accertare il legame tra contaminazione e cancro. Al Gip l’ultima parola.

Alessandra Carta
(@alessacart on Twitter)

Total
1K
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
1K
Share