Teulada inquinata, Pm ‘salva’ i militari. Avvocati contrari, chiesto il processo

Prima il Pm, adesso gli avvocati. Sembra anche una partita a risiko, e non solo giudiziaria, quella che dopo sette anni di indagini hanno cominciato a ‘combattere’ il pubblico ministero Emanuele Secci da un lato e i legali Roberto Peara e Giacomo Doglio dall’altro. L’oggetto della contesa sono i tumori a Teulada. Lottano i malati. O i parenti di chi non ce l’ha fatta. Tutti vicini di casa dei militari, nel poligono del sud Sardegna da settantadue chilometri quadrati. L’11 dicembre scorso è toccato al pubblico ministero, che ha chiesto l’archiviazione per i cinque capi di Stato maggiore indagati. Pur riconoscendo l’esistenza di “un’alterazione irreversibile“, ossia inquinamento con punto di non ritorno, il magistrato vuole che tutto sia chiuso senza un processo, perché “le esercitazioni sono un dovere militare”, ha scritto. Pazienza se bombe, razzi e proiettili – di ogni taglia e misura – hanno compromesso “suoli e componente floristico-vegetazionale”.

Per gli avvocati non può finire così. Ieri mattina Doglio e Peara hanno depositato a Cagliari, nella cancelleria della Procura, al terzo piano del tribunale, l’opposizione alla richiesta di archiviazione. L’atto non è segreto, qualcosina trapela. Non tutto ma sufficiente per capire che i due legali hanno deciso di tirare dritti, con l’obiettivo di dare dignità ai morti senza colpa. Ai malati che vogliono giustizia. Ai parenti che hanno promesso sulle tombe di cercare la verità.

Nella ventina di esposti presentati nel 2012 – poi se n’è aggiunta un’altra decina – sono tre le accuse: omicidio colposo, lesioni gravi e disastro innominato (viene definito ambientale dalla riforma del 2015). I capi di Stato maggiore iscritti nel registro degli indagati sono Giuseppe Valotto, Claudio Graziano, Danilo Errico, Domenico Rossi e Sandro Santroni. Dal 2009 al 2015 si sono succeduti alla guida dell’Esercito italiano. Quindi vanno considerati i responsabili di quanto accadeva nel poligono sardo.

Sul disastro ambientale non c’è altro da chiarire: lo stesso Pm ha confermato che la Penisola Delta da quattro chilometri quadrati non è più salvabile. E infatti figura negli atti della Difesa come un’area nemmeno bonificabile, perché è troppo il materiale bellico accumulatosi nel tempo. L’omicidio colposo e le lesioni gravi sono invece l’incognita della partita giudiziaria. Il Pm ha escluso l’esistenza di un nesso tra contaminazione e malattia; è scontato invece che gli avvocati Peara e Doglio insisteranno sul punto partendo dal presupposto certo dell’inquinamento irreversibile.

Il publico ministero si è affidato ai periti per analizzare il caso Teulada. Ernesto D’Aloja, ordinario di Medicina legale all’università di Cagliari, ha preso in esame gli accertamenti medici sulle patologie neoplastiche (in prevalenza il linfoma di Hodgkin negli uomini e il cancro polmonare nei due sessi); Annibale Biggeri, professore di Statistica nell’ateneo di Firenze, si è soffermato sullo stato di salute della popolazione.

LEGGI ANCHE: Una pioggia di fuoco da 860.624 colpi: inquinamento a Teulada, ecco le prove

Dalle relazioni dei due esperti è venuto fuori questo quadro: i tumori che hanno colpito gli abitanti di Teulada sono “multifattoriali“, quindi “non consentono di attribuire in maniera univoca la comparsa della patologia” all’inquinamento che deriva dall’attività militare. Non solo: il cancro è diffuso anche tra coloro che hanno lavorato nelle industrie di Portovesme e addirittura l’incidenza sarebbe maggiore. Biggeri, in particolare, ha preso in esame i dati dei residente di Foxi, frazione del Comune sulcitano, vicinissima al poligono: qui è risultata una casistica importante sulle patologie cardiovascolari. Che in astratto possono essere riconducibili all’inquinamento. Ma ci sarebbe pure una “componente di stress”, legata al fatto che, in seguito alla costruzione della base, in quella zona scattarono gli espropri con perdita di case e terre di famiglia.

Nel trasferire in valutazione giudiziaria le relazioni dei due periti, sorprende che il Pm – come si legge nella richiesta di archiviazione – riconosca validità scientifica all’alta incidenza delle malattie cardiovascolari collegabili all’inquinamento di Teulada, ma non attribuisca a essa un valore processuale. Questo perché “il campione” preso in esame “è troppo piccolo”, chiarisce lo stesso pubblico ministero. Per contro sulla diffusione dei tumori tra gli operai di Portovesme, malgrado sia stato ugualmente esaminato un numero ristretto di persone, il dato emerso viene considerato idoneo per valutare la posizione giudiziaria degli indagati. Sino a escludere il legame tra contaminazione e tumori, in quanto tale tendenza sarebbe tipica delle aree industriali e non di quelle militari. Di qui appunto la richiesta di non procedere nei confronti dei cinque capi di Stato maggiore.

Gli avvocati Peara e Doglio, dal canto loro, pare vogliano chiedere su tutto un supplemento di indagini per esaminare nello specifico alcuni tessuti biologici dei malati. Obiettivo: accertare l’eventuale presenza di nanoparticelle o particelle con residui metallici non esistenti in natura. Quindi frutto dell’inquinamento causato dai giochi di guerra. La seconda richiesta dei due legali sembra ruotare intorno a una verifica integrativa sullo stato di salute dei residenti a Foxi, ampliando appunto il campione preso in esame, in modo che diventi numericamente significativo.

È evidente che gli avvocati abbiano tutto l’interesse a non scoprire la propria strategia difensiva. Ma l’imputazione coatta otrebbe essere una delle carte da giocare davanti al Gip. In buona sostanza, in presenza di un reato accertato come quello del disastro ambientale, il giudice per le indagini preliminari può imporre al Pm di formulare un capo di imputazione contro coloro che vengono considerati i presunti responsabili.

Al momento non si conosce la data dell’udienza. Ma la battaglia legale si preannuncia serrata. Di certo non una partita come le altre: l’opinione pubblica in Sardegna è sempre più sensibile al tema della tutela ambientale. Tra qualche mese, i fari saranno inevitabilmente puntati su quei tumori che ‘disturbano’ due volte, perché la Difesa non è un dicastero qualunque.

Alessandra Carta
(@alessacart on Twitter)

Total
211
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
211
Share