Tra lirica e archeologia: “L’ape musicale” va in scena nella reggia di Barumini

Musica e archeologia insieme: un viaggio tra le note immersi in un mondo che parla della Sardegna di tanti secoli fa. “L’ape musicale“, di Lorenzo Da Ponte, va in scena nella reggia nuragica di Barumini, sito protetto dall’Unesco. L’appuntamento è per 26 luglio, dalle 21 (foto da www.weekendidea.it)

La reggia rimarrà sullo sfondo, mentre sul palco si canterà delle vicende, ambientate in una New York balneare che assomiglia al Poetto di Cagliari, di una compagnia musicale che attende la cantante in arrivo per risollevare le
sorti del proprio cartellone. L’opera era stata scritta per il Park Theatre di New York nel 1830, combinando musiche del repertorio lirico di quel tempo, a partire dalle più famose di Gioachino Rossini.

A Barumini sbarca la versione inaugurata a Cagliari al Teatro civico nella ricostruzione fatta dal musicologo Francesco Zimei, su commissione del Lirico di Cagliari. La regia è affidata a Davide Garattini Raimondi, vincitore, lo scorso marzo, del prestigioso Premio della Critica “Franco Abbiati”, sezione speciale “Filippo Sienbaneck”, per il progetto didattico-operistico destinato alle classi primarie del carcere minorile Beccaria di Milano.

Le scene e le luci sono di Paolo Vitale, mentre i costumi sono di Giada Masi e la coreografia di Barbara Palumbo. La direzione musicale di L’ape musicale è affidata a Fabrizio Ruggero che dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco. L’accompagnamento al fortepiano è di Giancarlo Salaris.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share