Coronavirus, i casi sardi salgono a 37. Ma su 283 tamponi, i negativi sono 232

Sono aumentati i casi sardi di coronavirus: dai 35 di ieri si è saliti a 37 di oggi. All’aggiornamento contenuto nel bollettino sanitario che quotidianamente viene diffuso dall’Unità regionale di crisi. Sui due nuovi infetti, solo di una viene indicata la zona del contagio, che è Nuoro, la città più colpita dell’Isola per via di un focolaio all’ospedale San Francesco dove i malati sono 16, tutti operatori sanitari. Ma il conteggio nel capoluogo barbaricino sale a 18 con la ricercatrice che ha contratto il coronavirus dopo un convegno a Udine e poi ha infettato il compagno.

Ci sono invece novità sull’assistenza complessiva: da quando c’è stato il paziente zero – l’imprenditore di Cagliari che è risultato positivo lo scorso 5 marzo – in Sardegna il numero delle persone controllate ha raggiunto quota 283. Di queste, 232 sono risultate negative al test (l’81,97 per cento). Su 14 tamponi, invece, l’accertamento è ancora in corso. Quanto alle cure, rispetto ai 37 infettati, 27 sono curati a casa e si trovano appunto in isolamento domiciliare; 10 i pazienti che al momento sono sotto osservazione in ospedale.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, tutte le regole da seguire: come comportarsi contro il contagio

Dall’Unità regionale di crisi hanno diffuso oggi anche un altro elemento: sempre in riferimento ai 37 casi accertati, 19 pazienti hanno il virus ma non i sintomi. E questo spiega il  motivo per cui non c’è stato bisogno di ricovero per la maggior parte delle persone infette (27 su 37, coem detto). Un dato, questo, che per un verso fa ben sperare, ma nel contempo il massimo rigore nel rispetto delle norme anti-contagio. È indispensabile che si evitino, per quanto possibile, i contatti umani. E quando si esce per andare a lavoro o fare la spesa, bisogna tenersi a una distanza di almeno un metro dagli altri.

Insomma, a tutti i cittadini è richiesto il sacrificio di rinunciare alla propria vita sociale. Ma è l’unico modo per ridurre il tasso di contagiosità del coronavirus che in Italia si è attestato intorno al 4 per cento, in aumento di quasi un punto rispetto alle scorse settimane. In questo senso si muove il decreto ‘Io resto a casa’ approvato lunedì dal Governo di Giuseppe Conte e che impone il divieto di lasciare il proprio Comune di residenza o domicilio, tranne per esigenze sanitarie e di lavoro. Chi invece non può fare a meno di spostarsi, deve compilare un’autocertificazione (CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODULO).

I controlli ai trasgressori sono severe: oggi a Samassi, nel Sud Sardegna, un uomo è stato sorpreso in giro in bici per ben due volte ed è stato denunciato. L’accusa è di lesioni. Insieme alla segnalazione alla magistratura è scattata anche un multa di 206 euro. Stesso trattamento per un 25enne di gergei sorpreso a Las Plassas, sempre nel sud dell’Isola.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, le disposizioni sanitarie: ricette online e farmaci per i cronici

Intanto sono 11mila le persone che si sono autodenunciate, ovvero quelle che hanno dichiarato di aver raggiunto la Sardegna dal Nord Italia. Una scelta, questa, che rischia di moltiplicare i contagi e per questo sia il Governo che la Regione hanno imposto l’obbligo di segnalare la propria presenza. Tutti coloro che sono arrivati dal Settentrione devono inoltre rispettare l’obbligo dell’isolamento domiciliare di quattordici giorni, anche in assenza di sintomi influenzali. Due settimane corrispondono infatti al tempo di incubazione della malattia.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
491
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
491
Share