Cartoline dal cielo del Marganai 2/2. “Dopo le motoseghe, bosco addio”

di Pablo Solesole@sardiniapost.it

Dopo S’isteri e Sa folara de su carbonau (guarda), due delle zone del Marganai (Sulcis) dove l’Ente foreste ha permesso di radere al suolo ettari ed ettari di lecceta per ricavare legnatico e materia prima per pellet, abbiamo fatto un salto con l’occhio elettronico del drone nei quindici ettari di Su caraviu, tagliati tra il 2011 e il 2012. È la zona dove, secondo gli esperti ingaggiati dall’Ente foreste, l’attività di ceduazione ha causato “danni di gravità elevata” e il rinnovamento del bosco è assente.

Località Su Caraviu

La lettiera scomparsa e il suolo bruciato dal sole

Nella zona di Su caraviu, l’impatto dei tagli, anche solo dal punto di vista paesaggistico, è evidente: all’orizzonte una distesa di lecceta intonsa, in basso l’area ceduata e spoglia. “Come si può notare, con il taglio a raso il suolo è rimasto scoperto, senza la protezione della fitta vegetazione formata dalla lecceta”, dice Francesco Aru, in rappresentanza del team che sta costantemente monitorando l’area per l’aggiornamento del Piano di gestione del Monte Linas – Marganai. Del gruppo di professionisti fanno parte anche il padre della geopedologia in Sardegna, Angelo Aru e il geologo Daniele Tomasi. “Il terreno viene bruscamente esposto ai raggi solari e durante il giorno si raggiungono alte temperature che possono superare anche i 70 gradi centigradi. L’humus di colorazione scura, viene immediatamente bruciato dalla forte radiazione solare e infatti possiamo notare che nel suolo è completamente assente la lettiera humica. Questo non accade nelle aree non tagliate – dice Aru – perché la fitta copertura delle chiome degli alberi, compenetrate tra loro, impedisce l’ingresso dei raggi solari, mantenendo l’ambiente più fresco e limitando i fenomeni di evaporazione dell’acqua”.

La ricrescita del bosco pari a zero. In tre anni

“Quando il taglio a raso viene effettuati su suoli altamente sensibili all’erosione e con elevate pendenze, come a Su caraviu, si hanno conseguenze devastanti”, dice senza mezzi termini Francesco Aru. “C’è la totale scomparsa delle lettiere organiche e sul nudo suolo minerale, si vedono chiaramente i segni delle profonde ferite causate dell’erosione idrica, mentre tutto attorno affiorano pietre e roccia”. Queste considerazioni sono state ribadite anche nel Piano di gestione dell’area SiC Monte Linas – Marganai, firmato proprio dal team composto da Angelo Aru, Francesco Aru e Daniele Tomasi. Per tutta risposta, i tre professionisti sono stati fortemente criticati dal sindaco di Domusnovas Angelo Deidda – che è arrivato a chiederne la cacciata – ma anche dai vertici dell’Ente foreste. Eppure questi ultimi sapevano benissimo che il problema era (ed è) reale: erano stati informati dai professionisti ingaggiati proprio da viale Merello. Che, oltretutto, avevano segnalato che a Su caraviu la ricrescita era pari a zero. E infatti, “le ceppaie di leccio risultano in parte morenti, con i ricacci completamente brucati ed oppressi dall’intenso pascolo dei cervi – conferma Aru -. Resiste solo il corbezzolo: è troppo amaro e i cervi non apprezzano”.

La lecceta trasformata in un banchetto a cielo aperto per gli animali

“Mancando la protezione del fitto bosco, i pochi agrifogli rimasti in piedi vengono facilmente raggiunti dai cervi e scortecciati completamente sino a circa 170 cm di altezza. Con lo scortecciamento si ha la distruzione dei vasi linfatici – spiega Aru – che hanno il compito di trasportare e distribuire a tutto l’albero la linfa elaborata. Senza corteccia non circola la linfa e la pianta muore”.

Radici d’argilla

Le norme di salvaguardia ambientale parlano chiaro: l’agrifoglio è intoccabile. Eppure in tutte le aree ceduate del Marganai, molti esemplari giacciono sul terreno. “La causa principale – dice Aru – è legata all’alterazione del microclima locale. Infatti, mancando la protezione del bosco, l’azione del vento non viene attenuata e questo ha determinato numerosi schianti. Le piante crollano sul terreno e muoiono”.

LEGGI ANCHE

Cartoline dal cielo del Marganai 1/2. Il buco con la foresta intorno

(Riprese drone: Davide Manca (Istantanea) – Foto di apertura: Marganai, leccio schiantato dopo l’attività di ceduazione)

 

Total
0
Shares
Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share