Il Piano casa, slitta tutto al 7 gennaio. Ma prima mazzata: agro liberalizzato

Il lotto minimo di tre ettari per costruire nelle campagne sarde smette di essere un vincolo. Così è previsto dall’articolo 2 del nuovo Piano casa votato a maggioranza dal Consiglio regionale prima della pausa di fine anno. I lavori riprendono il 7 gennaio, ma si fa chiara la strada tracciata dal centrodestra di Christian Solinas: sarà una corsa ai metri cubi.

Per votare l’articolo 2 c’è voluto un giorno e mezzo, visto l’ostruzionismo fatto dall’opposizione targata Pd, Progressisti e M5s. Ma la coalizione di governo ha dalla sua i numeri. La votazione è finita infatti con 29 favorevoli e 20 contrari. La nuova norma era contenuta in un emendamento sostitutivo presentato dalla Giunta e che disciplinerà appunto le campagne.

LEGGI ANCHE: Dietrofront sul Piano casa, Cocciu (Fi): ‘Errore, sì a costruzioni vicino al mare’

Col nuovo Piano casa sucederà che nell’agro della Sardegna nella fascia dei mille metri dalla linea di battigia l’edificazione a fini residenziali è riservata agli imprenditori agricoli professionali, purché titolari di un ettaro. Stessa possibilità per gli hobbisti, ma oltre i mille metri. Attualmente nelle zone E c’è il vincolo del lotto minimo di tre ettari e l’ok alle cubature è concesso solo agli operatori. Di fatto il centrodestra liberalizza le campagne.

La norma consente anche il cambio di destinazione d’uso degli edifici da non residenziale ad abitativo. Tuttavia, come previsto da una proposta di modifica dei Progressisti (prima firma Massimo Zedda) approvata all’unanimità, i cambi di destinazione d’uso non devono determinare opere di urbanizzazione a rete. Cioè, i Comuni non saranno obbligati a realizzare i servizi. Che va a carico di chi realizzare gli immobili. È passato anche un emendamento di Fratelli d’Italia che porta dal 2 per cento al 5 per cento la tolleranza edilizia per violazioni di altezza e cubature nell’esecuzione per ogni unità immobiliare.

LEGGI ANCHE: Piano casa, Solinas ha cambiato idea: sul mare si costruisce, ma slitta il voto

La seduta è stata sospesa e aggiornata al 7 gennaio. I lavori, come stabilito stamattina in conferenza dei capigruppo, proseguiranno l’8, l’11 e il 12 gennaio, quando è atteso il foto finale. Domani, intanto, scade il Piano casa attuale, ma la Giunta proporrà un emendamento che servirà a fare salve le istanze che dovessero essere presentate nel periodo di vuoto legislativo.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
47
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
47
Share