Consiglio regionale, depositati altri ricorsi: in 11 si contendono 4 posti

Salgono a cinque i ricorsi per i seggi rimescolati in Consiglio regionale. La prima sentenza è attesa per il 4 novembre.

Entra nel vivo la battaglia per i seggi in Consiglio regionale: Giampaolo Diana (Pd) e Giuseppe Dessena (Sel), in pole per un posto nell’aula di via Roma secondo il complicato calcolo dei resti (cioè i voti residui più alti tolta la soglia minima di preferenze tecnicamente chiamata quorum), hanno depositato i ricorsi annunciati.

La partita è quella della sentenza con la quale, lo scorso luglio, il Consiglio di Stato ha fatto decadere dalla carica Efisio Arbau (La Base), Michele Azara (Idv), Gavino Sale (iRs) e Modesto Fenu (Zona Franca), assegnando lo scranno agli Upc Pierfranco Zanchetta e Antonio Gaia, più a Gianfranco Congiu (Partito dei sardi). Il quarto posto che si è liberato è andato invece a Gianni Lampis (Fratelli d’Italia), ma su indicazione della Giunta per le elezioni, interna alla massima assemblea sarda.

Diana e Dessena contestano la presunta irregolarità di quel rimescolamento, sostenendo che Gaia e Congiu, rispettivamente, hanno preso meno resti rispetto a loro. Quindi non hanno diritto a stare in Consiglio.

Sui due ricorsi si attende adesso che venga fissata l’udienza. Ma per la stessa querelle, ovvero il riconteggio dei voti, il 4 novembre il Tar si esprimerà sull’opposizione presentata da Giovanni Satta, primo dei non eletti in Gallura nella lista Uds. Satta ritiene che spetti a lui il posto preso da Lampis.

Ma non è tutto: resta aperta la partita che Arbau, Azara, Sale e Fenu hanno aperto in Cassazione contro la stessa sentenza dei giudici amministrativi. Il ricorso è sostenuto pure dall’Ufficio di presidenza di via Roma, il quale, a sua votla, si è costituito davanti al Consiglio di Stato, sempre per chiedere la revoca del dispositivo di luglio. Il che porta a cinque il numero delle battaglie giudiziarie in corso.

E se il 4 novembre è la prima data utile per capire se in via Roma ci sarà un nuovo e immediato cambio di consiglieri, per Diana e Dessena l’udienza dovrebbe essere fissata a dicembre. Ma politicamente non è solo uno scontro tra partiti: la contesa è anche tra capi di gabinetto. Congiu, infatti, sino a settembre, quando ha giurato da onorevole, ricopriva l’incarico ai Lavori pubblici, mentre Dessena occupa lo stesso posto alla Pubblica istruzione.

Al. Car.
(@alessacart on Twitter)

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share