L’Algeria ‘scippa’ il mare della Sardegna. I pescatori: “Un precedente pericoloso”

“L’azione compiuta dall’Algeria merita di essere rispedita al mittente. Uno Stato non può permettersi di compiere atti unilaterali di questo tipo, a prescindere dal danno che scaturirebbe per gli operatori economici che in quelle acque hanno diritto di pescare liberamente”. “È una situazione preoccupante – spiega Giovanni Loi responsabile del settore Pesca di Agci Sardegna a Sardinia Post – sia perché crea un danno economico alle nostre flotte che utilizzano anche quella porzione di mare, sia perché è un precedente pericoloso”.

I pescatori non ci stanno allo ‘scippo’ di una fetta di mare sardo da parte dell’Algeria che potrebbe aprire le porte a uno spezzatino del Mediterraneo da parte dei Paesi che si affacciano su di esso. Il caso è venuto fuori nei giorni scorsi con un’interrogazione parlamentare presentata dal capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari cui ha risposto il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà.

LEGGI ANCHE: L’Algeria ‘scippa’ il mare della Sardegna. Il Governo assicura: “Presto negoziati”

Ma è dal 2018 che l’Algeria ha ‘allungato’ le mani sulle acque sarde, quando il presidente della Repubblica proclamò la propria zona economica esclusiva, allargando i confini del mare fino a raggiungere, a volte sovrapponendosi, le coste sud-occidentali della Sardegna, quasi fino al porto di Oristano.

Una decisione presa, unilateralmente e senza un confronto con gli altri Stati vicini, violando quanto previsto dalla Convenzione della Nazioni unite sul diritto del mare. La decisione chiaramente, non è passata inosservata, ed è stata contestata dall’Italia davanti all’Onu. Negli ultimi due anni ci sono state numerose interlocuzioni e trattative, ma ancora non è stata trovata una soluzione e i confini sono rimasti invariati.

La preoccupazione di chi lavora in quel tratto di mare non si placa ed è stata espressa nei giorni scorsi in una lettera inviata al ministero delle Politiche agricole, al presidente della Regione, Christian Solinas, con l’assessora dell’Agricoltura, Gabriella Murgia e ai capigruppo del Consiglio regionale per chiedere “un’azione forte unitaria a livello internazionale per la tutela degli interessi dell’Italia e degli operatori economici sardi”. La lettera è sottoscritta dalle quattro associazioni di categoria che riuniscono i pescatori. Oltre all’Agci ci sono Confcooperative, Legacoop e Assarmatori.

“Sono circa 70/80 le imbarcazioni che operano nelle acque oltre le dodici miglia dalla costa, quelle internazionali toccate dall’estensione decisa dall’Algeria – spiega Loi – se la stagione è buona non c’è necessità di andare oltre il limite delle acque nazionali, altrimenti ci si spinge nelle acque internazionali, molto pescose. Quella è un’area di pesca che noi, e non solo noi, utilizziamo da anni, il rischio che l’Algeria imponga regole penalizzanti su quel tratto di mare è alto”.

“Spero che la Regione intervenga anche per tranquillizzare gli operatori sardi, mi sarei aspettato un atto del presidente Solinas sulla vicenda, un’interlocuzione con il ministero – bacchetta Loi -. Con l’Algeria da questo punto di vista abbiamo sempre avuto rapporti di normale convivenza, ci siamo seduti insieme ai tavoli, con loro abbiamo ragionato ed evitato conflitti sulle questioni specifiche che riguardavano la pesca, ma anche l’agricoltura. Serve una governance del mare che impedisca queste azioni unilaterali”.

Rispondendo allìinterrogazione in Aula il ministro ha fatto sapere che presto partiranno i negoziati. “Si sta concretizzando la costituzione di una commissione che possa negoziare con l’Algeria la delimitazione delle rispettive aree marittime di interesse esclusivo. La prima riunione dovrebbe aver luogo, auspicabilmente, tra fine febbraio e inizio marzo. Nello stesso periodo il sottosegretario Di Stefano sta organizzando una visita in Algeria”.

A voler fare chiarezza sulla questione è anche deputato sardo Pino Cabras, capogruppo M5S in Commissione Affari esteri della Camera: “Chi parla di ‘annessione’ o ‘invasione del mare territoriale della Sardegna’ non sa di cosa parla. È solo un vuoto allarmismo, infondato e strumentale. Ignorano il diritto internazionale e confondono le zone economiche esclusive con le acque territoriali”. “Chi dice che il governo a suo tempo non abbia reagito, ignora o finge di ignorare che nel novembre 2018 il ministero degli esteri si era già attivato contro la dichiarazione dell’Algeria, col cui governo sono state avviate interlocuzioni per arrivare a un’intesa che soddisfi gli interessi della Sardegna e dell’Italia nel Mediterraneo”.

“Ragionando al di là delle polemiche infondate, vi è la necessità di creare un governo comune del mare dedicato, utile sia a sostenere la cultura marittima del nostro Paese, sia a meglio coordinare tutti coloro che, a vario titolo, operano sul mare. Con la nostra proposta di legge l’Italia avrà finalmente un efficace strumento di politica estera in grado di tutelare non solo gli interessi nazionali ma anche e soprattutto preservare il mare”.

Mar. Pi.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
87
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
87
Share