Operaio morto alla Saras, anni fa il padre entrò in coma dopo un incidente sul lavoro

“Dovevo morire io, non mio figlio”. La frase straziante è stata detta ieri da Sergio Nonnis, padre di Stefano, l’operaio di 42 anni morto ieri alla Saras dopo essere caduto in acqua da un pontile alto due metri.

Il padre di Stefano ha raccontato di aver avuto anche lui un incidente sul lavoro: da un ponteggio fece un volo di alcuni metri e rimase in coma qualche tempo. “Io mi sono salvato e lui non ce l’ha fatta”, ha detto Nonnis a L‘Unione Sarda.

Sul corpo dell’operaio verrà fatta con molta probabilità l’autopsia, anche perché dopo la caduta il 42enne ha perso i sensi. Per questo per i colleghi è stato impossibile aiutarlo a risalire. Resta ovviamente aperto il fascicolo con l’accusa di omicidio colposo, al momento a carico di ignoti, visto che il quadro degli eventi e degli accertamenti si deve ancora del tutto comporre.

[Stefano Nonnis coi genitori, foto Facebook]

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
17
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
17
Share