Olbia, smaltimento dei fanghi campani: chiusa l’indagine sui vertici del Cipnes

La Procura di Tempio ha notificato al presidente del Cipnes, Consorzio industriale provinciale del Nord Est Sardegna, Mario Enzo Gattu, e al dirigente del settore Igiene ambientale, Servizio idrico integrato e Depurazione reflui industriali dello stesso ente consortile, Giovanni Maurelli, l’avviso di conclusione delle indagini preliminari condotte dai carabinieri del Noe di Sassari relative ai fanghi di depurazione campani smaltiti nella discarica di Spiritu Santu.

LEGGI ANCHE: Inchiesta su discarica Spiritu Santu, prelevati campioni dei fanghi sospetti

L’attività investigativa, avviata nel novembre 2018 con un’ispezione all’interno dell’impianto olbiese di trattamento e smaltimento dei rifiuti, puntava a verificare la corretta gestione dei fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane provenienti dai depuratori di alcuni Comuni delle province di Napoli e Caserta. Al termine delle indagini il Noe denuncia le violazioni delle prescrizioni contenute nell’Autorizzazione integrata ambientale, la gestione non autorizzata di quei fanghi, trasportati nell’isola con mezzi non iscritti all’Albo gestori ambientali, false indicazioni sulla qualificazione dei rifiuti prodotti dalle operazioni di stabilizzazione per il conferimento in discarica, omissioni sulle indicazioni di smaltimento e recupero dei rifiuti nei registri di carico e scarico dell’impianto di biostabilizzazione, così da eludere la tracciabilità dei rifiuti stessi. La tesi degli investigatori è stata pienamente condivisa dalla Procura di Tempio.

LEGGI ANCHE: I fanghi della Campania a Spiritu Santu, la Procura dispone perizie: sei indagati

 

Total
9
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
9
Share