Ugo Fantozzi sul ‘caso di Ugo Merda’: “Come scriveva Dante, nomina sunt consequentia rerum”

Silvano Tagliagambe ha ricevuto dal ragionier Ugo Fantozzi questa lettera dedicata alla vicenda nota come “il caso del presidente Cappellacci e di Ugo Merda”. Ce l’ha inviata e volentieri la pubblichiamo.

L’imperatore Giustiniano ha lasciato detto (e scritto Istituzioni di Giustiniano, II, 7, 3) che per coloro che comandano è essenziale operare “cercando di far sì che i nomi corrispondano alle cose” (nos … consequentia nomina rebus esse studentes).

Il passo è stato ripreso da Dante nella Vita Nova (XIII, 4): “Con ciò sia cosa che li nomi seguitino le nominate cose, sì come è scritto: «Nomina sunt consequentia rerum»“).

Ora se l’imperatore di un partito, capo assoluto e indiscusso del suo popolo, associa l’epiteto “merda” al nome del suo candidato alla presidenza della regione Sardegna, quale conseguenza dobbiamo trarne come elettori? Quella che viene in mente per prima è ovvia e istruttiva: stiamo attenti, in campagna elettorale possono cercare di convincerci di tutto, meno che la merda non puzza.

Rag. Ugo Fantozzi

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share