I vigili del fuoco coordinano intervento in mare da remoto con LTE

La sigla LTE non dice molto ai non addetti ai lavori. Si tratta di un rete-dati, un sistema di comunicazione, che grazie al Joint Innovation Centre (JIC) di Huawei e CRS4 oggi consente di scambiare in tempo reale immagini o audio. Fin qui niente di strano. Il punto di forza della tecnologia sviluppata in Sardegna sta nel fatto che consente l’apertura di un canale di comunicazione dedicato, un corridoio informativo immune da interferenze in poche decine di minuti. Le applicazioni possono essere numerose, ma finora il sistema è stato utilizzato soprattuto per agevolare il difficile compito di prendere decisioni in situazioni critiche. Non è un caso che la Direzione regionale dei vigili del fuoco per la Sardegna sia stata coinvolta nell’implementazione del dispositivo. La sperimentazione è già in fase avanzata: i pompieri e i tecnici del JIC ne hanno dato prova a Sinnova, coordinando dall’ex Manifattura Tabacchi un’operazione-prova nel Porto di Cagliari.

“Abbiamo utilizzato il sistema Lte per la prima volta a Rigopiano, dove, come ricorderete, una valanga aveva distrutto e sommerso un albergo nell’Appennino abbruzzese. I vigili del fuoco che hanno operato all’interno della struttura erano stati dotati di un’apparecchiatura – che nel futuro prossimo sarà indossabile – in grado di trasmettere in diretta le immagini della struttura distrutta”, ricorda il funzionario della Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco della Sardegna Sauro Mazzanti. In quell’occasione, i soccorritori che hanno operato all’interno della struttura sono stati guidati al suo interno dal manutentore dell’albergo, da una persona, cioè, che conosceva alla perfezione il teatro dell’intervento. Ecco, dunque, un primo beneficio. Inoltre, dal momento che le immagini del teatro delle operazioni vengono trasmesse in diretta ad una postazione di comando, l’operatore può essere aiutato da chi, stando all’esterno, riesce ad effettuare una valutazione più distaccata della situazione. In pratica, è come se più persone potessero intervenire simultaneamente. Merito della tecnologia.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share