Omnibus, il ragioniere dello Stato contro la pensione degli onorevoli

È l’emendamento più inopportuno della legge Omnibus. È la riassegnazione della pensione che i consiglieri regionali – con voto di maggioranza ma senza colpo ferire da parte dell’opposizione – hanno deciso il 22 novembre scorso, insieme a una lunga serie di altri regalini. Però, passati quasi due mesi da quel via libera, la mossa autoreferenziale dell’Aula rischia di essere fermata da Roma.

Il ruolo di guastafeste se l’è intestato Biagio Mazzotta, il ragioniere dello Stato che ha firmato una relazione di ventidue pagine nel quale fa a pezzi mezza Omnibus, come raccontato dal nostro giornale (leggi qui l’approfondimento). Praticamente un pre-avviso di impugnazione trasmessa, non a caso, all’Ufficio legislativo del ministero dell’Economia.

L’idea di re-introdurre la pensione è venuta al consigliere regionale Stefano Tunis, fondatore di Sardegna 20venti: suo l’emendamento sottoscritto da tutti i capigruppo della maggioranza, tranne i Riformatori. Tunis, di fatto, ha re-introdotto quanto cancellato alla fine della XIV legislatura, a gennaio 2014. Tanto che il comma 4 dell’articolo 35 – così è previsto nella Omnibus – è stato pensato con effetto retroattivo a partire dalla XV legislatura cominciata a febbraio 2014. Adesso siamo alla XVI, che ha avuto inizio a febbraio 2019.

Il comma 4 dell’articolo 35

Il ragioniere delle Stato non si è fatto prendere dalla logorrea. Anzi. È scritto nella relazione di Mazzotta: “Si segnala che non si dispone degli elementi per il riscontro della copertura finanziaria prevista sul bilancio del Consiglio regionale”, è la prima annotazione. Come dire: si è approvato un emendamento senza prima quantificarlo, cosa vietata dalla legge. E ancora: “Si evidenzia che il richiamo alle previsioni di spesa risulta generico e, pertanto, si ritiene necessario acquisire chiarimenti da parte della Regione”.

Come vada a finire, è presto per dirlo. Sorprende tuttavia che, proprio in piena crisi economica per via della pandemia, i consiglieri regionali abbiano considerato prioritaria la propria pensione. Su questo mai nessun onorevole, tranne Tunis, mai detto alcunché.

Al. Car.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
24
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
24
Share