Gabinetto, Solinas promuove la sua segretaria: adesso è consulente

Veronica Vacca, la segretaria particolare del presidente Christian Solinas, è stata promossa consulente dallo stesso governatore. Così risulta dalla delibera 51/6 approvata dalla Giunta regionale il penultimo giorno dell’anno.

Con la seduta del 30 dicembre scorso – stavolta a firma di Solinas e non della numero due Alessandra Zedda – il capo della Giunta sarda ha sostanzialmente cambiato nome e ruoli al suo Ufficio di gabinetto. Che cresce di una unità, passando da venti a ventuno (escluso l’autista).

Il precedente inquadramento di Veronica Vacca

La prima casella dello staff resta occupata dalla magistrata del Tar, Maria Grazia Vivarelli, che col presidente (e l’assessora al Personale, Valeria Satta) condivide l’avviso di garanzia per le nomine dei Dg Silvia Curto (Presidenza) e Pasquale Antonio Belloi (Protezione civile). Poi ecco la sorpresa Vacca che, in base all’allegato alla delibera 51/6, diventa consulente e va ad aggiungersi a Franco Magi, Christian Stevelli e Gaetano Ledda. Ricordiamo che per le nomine di Magi e Stevelli a inizio legislatura Solinas è stato indagato per abuso d’ufficio.

Sempre in base al provvedimento del 30 dicembre 2021, è attivata la Segreteria del presidente: ne fanno parte Antonello Carboni e Ferdinando Sechi. Carboni, dipendente del Consiglio regionale, era un ‘semplice’ addetto di gabinetto; Sechi, ex assessore sardista al Comune di Cagliari, è l’innesto: approda in viale Trento dagli uffici dell’Agricoltura. Anche Sechi è in comando, da dipendente dell’agenzia Laore qual è.

Tutti gli altri otto addetti di gabinetto compongono adesso “l’Ufficio di supporto alle funzioni generali della presidenza della Regione”, è la dicitura contenuta nell’allegato della delibera 51/6. Si tratta di Rossana Abbate, Rita Argiolas, Maria Cabras, Antonella Cuccus, Mario Deriu, Francesco Perra, Carla Scattolini e Anna Rita Siddu.

Cambio di ruolo anche per Maurizio Porcelli, ex consigliere comunale di Cagliari: da addetto di gabinetto diventa un esperto dell’Ufficio di staff tecnico. Infine il gruppo del Cerimoniale, in cui non cambia nulla: Giorgio Falconi resta il capo dell’Ufficio con subalterni Massimiliano Ala, Paoletto Cera, Ignazio Lepori e Davide Pinna.

La sensazione è che Solinas abbia riordinato le caselle in vista delle nuove nomine fiduciarie previste in applicazione della legge 17 sui maxi staff, in vigore dal 25 giugno 2021, ma finita su un binario morto, benché per mesi il Consiglio regionale si occupò solo di quella norma ribattezzata “Il poltronificio del centrodestra“.

Sul destino della legge 17 molto si potrà ricavare dalla Finanziaria 2022, pronta ad approdare in Aula. Lì sono già annunciati una serie di emendamenti che potranno cambiare alcuni articoli della norma perché, è evidente, non tutto sta andando per il verso giusto sul fronte della ‘Regione parallela’, quella che Solinas e alleati hanno pensato di costruire attraverso i maxi staff.

Alessandra Carta

LEGGI I DOCUMENTI

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share