Pecorino Romano Dop solo con latte sardo: via libera alle nuove regole

Alla fine la mediazione ha portato un traguardo. Nel nuovo disciplinare di produzione del Consorzio del Pecorino Romano Dop saranno introdotte le razze, sette per l’esattezza. A dare il via libera è stata l’assemblea dei soci. Dopo gli appelli lanciati dal mondo delle campagne per evitare la “contaminazione” di razze non autoctone e lo slittamento della discussione si è trovato un accordo che potrebbe riconciliare le posizioni espresse nelle settimane antecedenti il Natale: gli allevamenti che conferiscono il latte ovino per la produzione del formaggio Dop dovranno essere riconvertiti esclusivamente a razze autoctone (Sarda, Vissana, Sopravissana, Comisana ecc.).

Nei prossimi giorni sarà fissato un incontro con l’assessorato dell’Agricoltura e le agenzie regionali agricole Laore e Agris per definire le procedure e gli aspetti tecnici per lo screening degli allevamenti, i registri e gli altri adempimenti. Sin da subito inizierà anche una serrata interlocuzione con il ministero delle Politiche agricole per rendere definitive le modifiche all’interno del disciplinare di produzione. Come aveva spiegato a suo tempo lo stesso Consorzio era stato lo stesso ministero a consigliare di prevedere un margine di contaminazione per tutelare gli allevatori, “mettendoli al riparo da possibili sanzioni e gravi danni economici”.

Nel dettaglio le razze ammesse, in base a quanto deciso dall’Assemblea consortile e inserite nel Disciplinare di produzione, sono: Razza Sarda, compresa la sub-popolazione Nera di Arbus, Razza Vissana, Razza Sopravissana, Razza Comisana, Razza Massese, Razza Pecora dell’Amiata. “L’assemblea ha trovato una soluzione condivisa da tutti i presenti e che fa sintesi fra le diverse posizioni – sottolinea in una nota il presidente del Consorzio Gianni Maoddi – I sette anni previsti per la riconversione assicurano a tutti gli operatori il tempo necessario per organizzarsi, in primo luogo agli allevatori”.

Soddisfazione, è stata espressa dal presidente del Centro Studi Agricoli Tore Piana: “Apprendo che all’unanimità è stato decidere di non applicare nessuna tolleranza sull’utilizzo di latte prodotto da altre razze che non siano quelle già previste nell’attuale disciplinare, che in Sardegna riguardano la pecora di razza Sarda e quella Nera di Arbus – osserva -. È passata l’idea e il principio di legare la Dop al territorio, tutelare e salvaguardare la storicità delle razze ovine Sarde e i tanti sacrifici per migliorare la razza Sarda effettuati in decenni dai pastori sardi”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
21
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
21
Share