Sardegna bianca, primi test agli arrivi: tamponi a passeggeri sbarcati a Olbia

È toccato al porto di Olbia testare per primo il nuovo sistema di controlli sanitari per chi arriva in Sardegna, istituito dall’ordinanza firmata alcuni giorni fa dal governatore Christian Solinas con l’obiettivo di preservare l’isola dalla diffusione del contagio da Covid-19 e mantenere lo status di zona bianca.

Tra le 6.30 e le 7.30 di stamattina hanno attraccato tre navi, due provenienti da Livorno e una da Civitavecchia, con a bordo complessivamente circa 600 persone. Ad accoglierli alla stazione marittima due postazioni e gli operatori di Ats, Capitaneria di porto e protezione civile, oltre alle forze dell’ordine.

Inizialmente sono stati fatti transitare nell’area di controllo sanitario tutti i passeggeri della prima nave, arrivata puntuale dalla Toscana con a bordo oltre 300 persone. In seguito sono stati apportati alcuni correttivi per consentire agli autotrasportatori di non perdere tempo rispetto alla loro tabella di marcia, ma anche per far sì che le persone già sottoposte a tampone con esito negativo entro le ultime 48 ore potessero lasciare lo scalo senza ingrossare la fila all’ingresso dei controlli. Agli autisti dei mezzi che dovranno lasciare la Sardegna entro domani sera è stato consentito di proseguire verso la propria destinazione senza attendere di essere controllati.

LEGGI ANCHE: All’aeroporto test su 300 passeggeri: controlli agli arrivi anche a Cagliari

Complessivamente le operazioni dei controlli e dei test per gli arrivi in Sardegna non hanno subito gravi ritardi o disagi tali da dover ritenere che il sistema non sia funzionale. “Sono arrivate 300 persone con la prima nave e 120 con la seconda”, riferisce all’Ansa Maurizio Marcias della cabina di regia dell’Ats per la gestione dello screening. “Sono operativi 3 team vaccinali, uno per l’accettazione amministrativa e due composti da infermieri tamponatori e medici che diagnosticano i test rapidi – prosegue – Sarà così anche all’aeroporto di Olbia”, aggiunge Marcias prima di spiegare che “lo screening è una delle leve di intervento strategiche che ci ha permesso di arrivare alla zona bianca, la campagna condotta tra Ogliastra, Nuorese, Medio Campidano e Cagliari ha consentito di far crollare l’Rt, ora dobbiamo conservare questa condizione”.

Per il comandante della Capitaneria di porto di Olbia e direttore marittimo per tutto il Nord Sardegna, Giovanni Canu, “la prima impressione è positiva, il sistema funziona e pian piano sta andando a regime”. Alle operazioni mattutine ha assistito anche Franco Logias, commissario straordinario dell’Assl di Olbia. “È emerso un problema legato ai tempi stretti degli autotrasportatori e si è creata una corsia preferenziale – afferma – mentre è buon il dato secondo cui almeno il 40% delle persone arrivata oggi è già vaccinato o ha fatto il tampone a ridosso della partenza, così da poter lasciare il porto senza ingrossare la fila ai controlli”.

LEGGI ANCHE: Tra i passeggeri in fila per il tampone. “Bene ma la fila può durare un’ora”

Anzi, sottolinea Logias, “è opportuno spingere in questa direzione, è fondamentale per favorire il sistema che la gente faccia il tampone prima di partire, entro 48 ore dalla partenza”. Arrivi protetti e vaccini, è la parola d’ordine della Protezione civile regionale. L’ha ribadito oggi dall’Isola Bianca anche Alberto Bozzi, ingegnere, della direzione regionale della Protezione civile sarda. “Da domani saremo impegnati nella vaccinazione degli over 80, i nostri volontari stanno battendo i paesi di casa in casa per portare i moduli e agevolare le operazioni, è uno sforzo veramente notevole ma fondamentale per mantenere lo status di zona bianca”.

Foto generica

Total
15
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
15
Share