Piazza Nicosia

Poliziotti uccisi dalle Br: una strada o un parco per Ollanu e Mea

(Ma.Sc.) – Presto il brigadiere campano Antonio Mea e l’agente Pierino Ollanu, di Gergei, trucidati dai brigatisti rossi il 3 Maggio del 1979 davanti alla sede regionale della Dc potrebbero avere una piazza o una strada a loro dedicata.

Lo sperano i parenti, gli amici e gli ex colleghi dei poliziotti uccisi che negli anni hanno tenuto vivo il loro ricordo, hanno combattuto battaglie per ottenere un giusto riconoscimento per i due poliziotti morti e, recentemente hanno lottato e polemizzato, per far tenere pulita piazza Nicosia dove si trova la targa in memoria di Ollanu e Mea. Sassate e il nostro giornale hanno documentato lo scempio avvenuto mesi fa, con i cassonetti dei rifiuti sotto la targa e i sacchetti abbandonati per strada.

Uno sfregio alla memoria che ha suscitato rabbia e indignazione. I rifiuti e i cassonetti sono stati eliminati dopo alcuni giorni.

Ma pochi giorni fa qualcuno ha pensato bene di abbandonare altri rifiuti sotto la targa e accanto alle corone che erano state lasciate nel giorno della doppia commemorazione nell’anniversario dell’attentato. Anche in questo caso il nostro giornale ha documentato l’episodio e i rifiuti, ad opera di alcuni ex colleghi di Antonio Mea e Pierino Ollanu, sono stati eliminati, non prima di essere stati presi a calci e lanciati sulla piazza.  Un gesto plateale anche per segnalare ai residenti e ai negozianti della zona quanto sia importante il rispetto per i due poliziotti e per chiedere loro in qualche modo di vigilare affinché non ricapiti più.

Nel giorno dell’anniversario dell’attentato alla sede della Dc, il presidente della XII Commissione permanente Turismo, Moda, Relazioni Internazionali di Roma, Mariano Angelucci ha preso l’impegno di interessarsi per tentare di far intitolare una piazza o una strada a Ollanu e Mea. Una promessa che ha portato avanti con una mozione in cui chiede “l’impegno per il sindaco e la Giunta ad individuare una strada o un parco, da intitolare al brigadiere, Antonio Mea e all’appuntato Pierino Ollanu”.

Al momento non si conosce l’esito della mozione, ma i familiari, gli amici e gli ex colleghi incrociano le dita.

Un ulteriore spiraglio arriva dall’interessamento del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Fabrizio Ghera che ha parlato a lungo con l’ex collega di Mea e Ollanu, Tonino Rizzo, annunciando che si interesserà della questione. Dopo anni, quindi, finalmente potrebbe arrivare per i due poliziotti il giusto riconoscimento.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
24
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
24
Share