Abbasanta, i pastori bloccano la 131. Latte in strada. “Difendiamo il prezzo”

Si infiamma la protesta dei pastori sardi. Questa mattina in tanti si sono dati appuntamento sulla statale 131, ad Abbasanta al km 123, davanti alla stazione di servizio, snodo centrale per chi viaggia da una parte all’altra dell’Isola. Numerosi video sui social mostrano litri e litri di latte che vengono versati a terra da due grandi camion-cisterna in mezzo alla strada (foto dal profilo Facebook di Sara Cinatempo).

Col passare delle ore la mobilitazione che si sta allargando anche in altre zone dell’Isola. A Orune, nel Nuorese,  sulla strada provinciale che porta a Bitti, la protesta è andata in scena sempre con la stessa modalità: i pastori, una quarantina, hanno preferito buttare il latte per terra piuttosto che pagarlo a un prezzo basso, come vorrebbero gli industriali. Qui il messaggio di una allevatrice, Anna Cuccu, in un video diventato virale su Facebook. La donna dà il latte ai maiali. E dice: “Meglio a loro che agli industriali“. Proteste anche a Nuragus e Macomer.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
449
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
449
Share