Metropolitana leggera, Zedda: “Cambiare il tracciato in tempo per la gara”

“Salvaguardare le risorse e rispettare la tempistica del bando”. Ma non solo: per il sindaco della Città metropolitana di Cagliari, Massimo Zedda, bisognerebbe anche “non raddoppiare i binari, dato che questo aumenterebbe i costi, e poi intercettare le persone, evitando di far passare la metro dove non c’è nulla perché se si mettono a correre 120 milioni di euro dovrà pur essere possibile apportare modifiche alla viabilità”. È quanto ha dichiarato all’ANSA il primo cittadino al termine di un incontro con l’amministratore dell’Arst, Chicco Porcu, con il quale ha discusso, in particolare, di metropolitana leggera a pochi giorni dall’affondo dello stesso sindaco: su questo progetto, ha detto, si sta consumando a Cagliari “la più grande speculazione edilizia”.

“Oggi – ha precisato Zedda – abbiamo dialogato sull’opportunità di avviare il miglior percorso possibile”. Quanto al ruolo della Regione – l’assessore ai Trasporti ha già fatto sapere che tutte le carte sull’iter amministrativo del progetto sono a disposizione della Procura per verificare la fondatezza delle accuse del sindaco – il primo cittadino ha chiarito: “Non c’entra niente, anche il presidente della Giunta, Francesco Pigliaru, che mi ha ascoltato al Teatro Massimo, era molto tranquillo. Ma io sono mesi che dico che quel tracciato non va bene”. Da parte sua l’amministratore dell’Arst ha parlato di un incontro avvenuto in un clima di collaborazione e ha ribadito che c’è lo spazio per eventuali modifiche, tenendo conto della scadenza del bando fissata al 31 dicembre 2019.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share