IL VIDEO/ Elisa, la studentessa cui è stata negata la tesina in sardo: “Semus in custa terra e no ischimus nudda”

Elisa Melis, la ragazza a cui durante l’esame di maturità è stato impedito di esporre la propra tesina in sardo, è la testimonianza che in Sardegna c’è anche una gioventù diversa, attaccata ai valori e a i saperi del proprio territorio.

Il tema del “locale” rappresenta oggi un valore aggiunto, soprattutto nel mondo contemporaneo, dove i processi di omologazione culturale tendono ridurre la diversità.

La lingua sarda non è per Elisa soltanto uno strumento di comunicazione, ma soprattutto il canale principale attraverso cui può dare un compimento pieno delle proprie capacità espressive, in un armonia totale tra suono verbale, corpo e ambiente di vita.

iRS indipendentzia Repubrica de Sardigna, a distanza di qualche giorno dal triste episodio, ha voluto dare voce a questa ragazza che con naturalezza spiega come, attraverso questi atti di coraggio e resistenza, sarà forse possibile che un giorno la nostra lingua esca definitivamente dagli stigmi e dalle logiche dis-valoriali in cui è stata per troppo tempo rilegata. Ecco il video in esclusiva.

Guarda il video realizzato da Teleindipendentzia

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share