Trivelle, anche l’Isola chiede il referendum abrogativo

Anche il Consiglio regionale della Sardegna ha deliberato la richiesta di referendum abrogativo delle norme nazionali che regolano le autorizzazioni e gli espropri a scopo di prospezione per la ricerca ed estrazione di idrocarburi nel sottosuolo. Due le mozioni approvate dall’assemblea sarda: quella che riguarda l’articolo 38 dello ‘Sblocca Italia’ è passata con 53 voti favorevoli e uno contrario, quello dell’esponente del Pd Gavino Manca; la seconda mozione, invece, riferita all’articolo 35 del decreto Sviluppo, è stata varata all’unanimità. Sarà il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau a presentare ufficialmente la richiesta di referendum agli organi preposti.

Tra gli interventi in Aula, Stefano Tunis (Fi), ha chiarito il suo voto favorevole. “Cosa ha bloccato spesso l’economia in Italia? Il fatto che qualunque buona iniziativa economica potesse essere presa in considerazione, veniva costantemente bloccata dal principio che va tutto bene, purché non sia nel giardino di casa mia. Non sono un appassionato del referendum come strumento – ha precisato – ma in questa circostanza è l’unico strumento che possiamo utilizzare purchè non sia data un’indicazione di merito ma solamente un’indicazione di metodo”. Unico voto contrario, in dissenso dal gruppo e dall’intera maggioranza, quello dell’esponente del Pd Gavino Manca. “Ritengo che il governo nazionale abbia ampiamente dimostrato nei fatti attenzione e rispetto per la Sardegna e le sue prerogative autonomistiche – ha spiegato motivando il suo no – A suo tempo, infatti, è stata introdotta la clausola di salvaguardia che unita alle disposizioni della legge regionale 20 del 1959 in materia di ricerca di idrocarburi, fa salve le competenze speciali della Regione in materia di valutazione di impatto ambientale”. “Pertanto trovo paradossale e per certi versi assurdo che la maggioranza di centrosinistra in Regione presti il fianco al cinico calcolo politico delle opposizioni che punta a rompere il clima di collaborazione e fiducia da tempo istauratosi tra la Giunta Pigliaru e il governo Renzi. Giudico inoltre strumentale – ha sottolineato ancora Manca – chiamare i cittadini sardi a pronunciarsi su un tema sul quale chi ha la responsabilità del governo deve dimostrare piena consapevolezza e piena responsabilità politica delle scelte e delle decisioni”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share