Quirinale, Cotti (M5S): “No a Mattarella, diceva che in Sardegna non si usava l’uranio impoverito”

Liscia, gassata o Mattarella?“. Comincia così la nota del senatore sardo, Roberto Cotti, sulla candidatura dell’ex democristiano e fondatore del Pd a presidente della Repubblica. L’opposizione a Mattarella (nella foto Ansa) unisce tutti i parlamentari sardi in quota M5S.

“Esprimiamo – si legge – un no deciso all’ex ministro della Difesa nel governo Amato, il quale negava qualsiasi nesso tra gli armamenti all’uranio impoverito e l’insorgere di linfomi o leucemie tra i militari. Respingiamo la candidatura Mattarella in segno di rispetto verso tutti i morti per la cosiddetta “Sindrome dei Balcani”. Su tutti il decesso del caporalmaggiore di Nuxis, Salvatore Vacca“.

Cotti scrive ancora: “Gli ultimi rumors – è il riferimento alle diplomazie che si stanno muovendo nei palazzo romani – danno Sergio Mattarella in pole position per la presidenza della Repubblica. Non so come andrà finire, però questa candidatura è un’offesa alla memoria. Il caporalmaggiore Vacca è stato riconosciuto come il primo morto di uranio impoverito”. Quindi la seconda riflessione: “Chi ha ancora a cuore la verità dei fatti, la pace, chi si batte per il disarmo e contro i nefasti e mortali esiti derivanti dall’uso di pericolosissimi armamenti, non può che respingere l’ipotesi Mattarella al Colle”. Per questo il senatore grillino scrive ancora: “L’invito che rivolgo, prima di tutto, ai parlamentari e ai delegati sardi è manifestare, nell’urna, un no secco, motivato e trasparente contro l’ex ministro della Difesa nel governo Amato. La posizione di Mattarella è stata nbel evidenziata in un articolo pubblicato oggi sul sul Resto del Carlino, a firm,a dell’inviato Lorenzo Sani”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share