L’incendio a Capo Frasca? “Colpa del vento”

“Raffiche a 20 km/h e un elicottero in avaria” le cause dell’incendio, almeno secondo la ricostruzione degli eventi fatta oggi alla Camera dal sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi.

L’incendio del 4 settembre scorso nel poligono di Capo Frasca in Sardegna è stato “un evento eccezionale”. Le bombe inerti sono quelle che sono sempre utilizzate in questi anni senza che ci fosse alcun problema, ma si sono verificati due intoppi: un forte vento che soffiava a 20 km/h, che ha reso insufficiente l’intervento dell’autobotte dei militari, e “un’improvvisa avaria” all’elicottero della base di Decimomannu. Questo almeno secondo la ricostruzione della giornata, nella quale sono andati in fumo circa 30 ettari di terreno, fatta oggi alla Camera dal sottosegretario della Difesa, Domenico Rossi, che ha risposto ad un’interpellanza del Pd.

Secondo l’esponente del Governo è stata presumibilmente una cartuccia di una bomba inerte, che ha rimbalzato più volte sul terreno, arrestandosi cento metri oltre il target dopo essere stata sparata da uno dei quattro aerei Tornado tedeschi in esercitazione, a causare l’incendio nel poligono di Capo Frasca. L’innesco delle fiamme sarebbe partito dalle scintille causate dall’impatto con il terreno, “un incendio che si è immediatamente sviluppato e propagato soprattutto a causa del vento”. Ma soprattutto – ha precisato Rossi – “senza provocare esplosioni, cioè non vi sono stati ordigni inesplosi, così come riportato da alcune notizie di agenzia, che poi sono invece esplosi”. Il sottosegretario però ritiene che “il piano antincendio adottato dal poligono è apparso e appare ancora efficiente e ben strutturato, ne è riprova il fatto che non vi sono evidenze nel passato di eventi tali da richiedere l’intervento di personale o mezzi esterni presso il poligono di Capo Frasca, se non nei casi d’incendi innescati esternamente al sedime del poligono e quindi non dipendenti da attività addestrativa. Ciononostante – ha concluso – l’Aeronautica militare, dopo aver disposto i dovuti accertamenti dell’accaduto, ha implementato alcune misure preventive per evitare il ripetersi di eventi similari, sensibilizzando, tra l’altro, il personale del poligono affinché si proceda, nell’immediatezza delle esercitazioni, ad uno scrupoloso monitoraggio anche delle condizioni meteorologiche che potrebbero favorire rischi di fenomeni analoghi”.

Il sottosegretario stamattina aveva anche ribadito l’importanza delle servitù militari, in risposta a un’interpellanza di due deputati del Pd, Caterina Pes e Francesco Sanna.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share