Caro carburante, boccata d’ossigeno per 2.500 aziende sarde

Il caro carburante, che da mesi sta mettendo a dura prova le circa 2.500 aziende sarde dell’autotrasporto che, con oltre 7mila dipendenti, veicolano ogni giorno l’87 per cento di tutte le derrate movimentate nell’Isola, qualche settimana costrinse le imprese a spegnere temporaneamente i motori, e accendere la rabbia, la preoccupazione e il timore che gli automezzi potessero rimanere per lungo tempo nelle rimesse per mancanza di convenienza a uscire lungo le strade e consegnare le merci o, addirittura, non ripartire mai più. Ora anche gli autotrasportatori sardi potranno fruire dei 500 milioni di euro che il Governo a messo a disposizione per mitigare gli effetti del caro gasolio. Lo annuncia Confartigianato trasporti Sardegna comunicando la pubblicazione del Decreto aiuti sulla Gazzetta ufficiale.

“Un settore, quello dell’autotrasporto sardo che, al primo gennaio di quest’anno, ha registrato una decrescita totale del 2,9 per cento, di cui ben il 5,7 per cento solo nel comparto artigiano – spiega l’organizzazione -. Dal 2009, in Sardegna, è scomparso circa il 20 per cento del tessuto imprenditoriale”. A livello provinciale a Cagliari le imprese registrate sono risultate 1.123 di cui 729 artigiane. Rispetto allo scorso anno, nel totale delle imprese di autotrasporto merci, il calo registrato è del 2,9 per cento. A Nuoro sono 362 (di cui 259 artigiane), con un calo del 2,7 per cento. A Oristano sono 250 (185 artigiane) registrando un meno 2,3 per cento. Infine a Sassari ci sono 741 imprese, di cui 474 artigiane: le cancellate sono il 3,0 per cento. Secondo i calcoli di Confartigianato Trasporti Sardegna, i vertiginosi aumenti del costo del gasolio, hanno messo a dura prova anche la stabilità delle diverse filiera produttive isolane. “I conti sono presto fatti: un automezzo di 440 quintali di peso complessivo che percorre 150.000 chilometri annui (percorrenza media minima perché il mezzo si ripaghi) e abbia un consumo di 3 chilometri, ‘beve’ 50.000 litri di gasolio. Ogni centesimo di euro di accise in più sul gasolio quindi ‘pesa’ su ogni singola motrice per 500 euro l’anno, ovvero ogni 10 centesimi di aumento ‘pesa’ 5mila euro”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share