Cala Gonone Jazz, ultimo weekend: Tony Momrelle, Baba Sissoko e il progetto Krónos e Kairós

Scenari incantevoli e la magia della musica: un binomio che da sempre ha contraddistinto il festival internazionale Cala Gonone Jazz. Era il 1988 quando Nuoro ospitava la prima edizione del festival: oggi, trent’anni dopo, non molto è cambiato. Certo, la location: ieri la città nuorese, oggi Cala Gonone. Ieri i protagonisti erano giovani sperimentatori, oggi sono affermati professionisti della scena internazionale. Lo spirito, l’entusiasmo e la passione che animano gli organizzatori dell’evento invece sono gli stessi, anche oggi che il festival celebra la sua edizione numero trenta.

FOTO. No Flash Please! Nella mostra fotografica di Cala Gonone trent’anni di jazz

Cala Gonone Jazz ha aperto il suo cartellone 2017 lo scorso fine settimana e proseguirà fino a domenica con incontri, degustazioni, concerti, progetti multimediali. Tra i nomi del programma messo in piedi dall’associazione Intermezzo Nuoro ci sono volti noti e meno noti del panorama jazz mondiale: il pianista Antonio Ciacca, il quartetto Brecker, Stern, White e Phell, Luigi Tessarollo, Roberto Taufic, Luisa Cottifogli, il trio sardo SVM, il chitarrista Bill Frisell, la contrabbassista Linda Oh con il suo quartetto sono stati protagonisti delle prime tre giornate tra il 20 e il 23 luglio. A chiudere la giornata di domenica il suggestivo racconto di Gaetano Mura, velista di Dorgali, accompagnato dalle letture di Giacomo Casti e i suoni di Arrogalla e Stefano Guzzetti.

Gli appuntamenti riprenderanno questo fine settimana con la seconda parte del Festival. Venerdì 28 luglio appuntamento alle 19 all’Acquario di Cala Gonone, uno dei suggestivi palcoscenici scelti per accogliere i musicisti, con il duo isolano Elva Lutza: Nico Nico Casu, trombettista e cantante già collaboratore, fra gli altri di Daniele Sepe, Nuova Compagnia di Canto Popolare e Roberto de Simone e Gianluca Dessì, chitarrista dalle varie esperienze in ambito etno-folk. A seguire, alle 2 al teatro comunale, per la prima volta ospite del Cala Gonone Jazz Tony Momrelle, voce soul ed ex componente degli Incognito, considerato uno dei musicisti soul più significativi della scena britannica moderna.

La mattina del giorno dopo, sabato 29 luglio, viaggio in barca dal porto di Cala Gonone (partenza alle 11) fino alle incantevoli Grotte del bue marino, dove sarà allestita la scena per il percussionista e polistrumentista maliano Baba Sissoko, da anni impegnato nella diffusione della tradizione musicale del Mali in ambito internazionale, collaboratore di dee Dee Bridgewater, Famoundou Don Moyè, Omar Sosa. Si esibirà dalle 11.30 insieme alla figlia Djana. Nel pomeriggio gli appuntamenti si spostano all’Acquario con il divertente spettacolo di Jacopo Cullin e Francesco Abate ‘Bellepòc & S’Arrevesciu. La verità sul viaggio di Lawrence’, ovvero la verità nascosta sull’effettiva ragione per cui nel gennaio del 1921 il grande scrittore D.H. Lawrence decise di venire in Sardegna e nello specifico a Cagliari. A seguire al Teatro comunale dalle 22 il trio Leszek Możdżer, Lars Danielsson e Zohar Fresco.

Ultima giornata e ultimo appuntamento alla Grotte del Bue Marino domenica 30 luglio alle 11.30: esordio in Sardegna per Caravela, formazione con base londinese dalle radici musicali brasiliane e africane. Alle 19 all’Acquario ci sarà il piano romantico e soave di Larissa Belotserkoskaya, musicista virtuosa che reinterpreta con precisione, tecnica ed estro i compositori Schubert, Brahms, Tchaikovsky, Glinka, Gryaznov. Il sipario sulla trentesima edizione del Festival calerà alle 22 al Teatro comunale con una produzione originale: “Krónos e Kairós”, scritta da Battista Giordano per il trentennale, vedrà sul palco l’Euroamerican Quintet. I cinque musicisti (Ariel Horowitz, Battista Giordano, Piotr Marciak, Tomasz Wiroba, Carlos Garfias) presenteranno in prima assoluta le due concezioni del tempo nella mitologia Greca, Krónos e Kairós, la durata quantitativa di Kronos e il movimento del tempo che coincide con l’eterno di Kairos.

Ancora visitabile la mostra fotografica “No flash please!” con le foto realizzate durante i trent’anni del Festival esposte al teatro comunale a cura di Giulio Capobianco. Gli appuntamenti delle 19 all’Acquario saranno sempre accompagnate dalle degustazioni dei prodotti della Cantina di Dorgali e la Cooperativa dei pastori.

Francesca Mulas

Total
0
Shares
Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share