Uccise la compagna e portò via le figlie, ergastolo per l’assassinio di Zdenka

Ergastolo. La Corte d’assise di Sassari ha condannato Francesco Douglas Fadda, 46 anni, al massimo della pena per il femminicidio della sua compagna 41enne di origine ceca, Zdenka Krejcikova, morta in conseguenza di una ferita da coltello riportata in un bar di Sorso il 15 febbraio 2020.

La Corte ha accolto le richieste del sostituto procuratore Paolo Piras e degli avvocati di parte civile, Teresa Pes per la madre della vittima e Pietro Diaz per le sue figlie.

Fadda è stato condannato anche al pagamento di una provvisionale di 200mila euro a testa per le parti civilie e all’isolamento diurno per un anno.

Fadda è stato ritenuto responsabile di omicidio volontario aggravato da premeditazione, commesso con crudeltà nei confronti di una persona alla quale l’autore era legato da una relazione, nonché di resistenza, tortura, porto abusivo di coltello e sequestro di persona.

L’avvocato Galisai ha sempre sostenuto con forza l’innocenza del proprio assistito: “Molte le contraddizioni emerse nelle prove testimoniali. Fadda amava Zdenka e non le avrebbe mai fatto del male”. Il legale ha preannunciato il ricorso in appello non appena verranno depositate le motivazioni.

Nel rilasciare dichiarazioni spontanee davanti alla Corte, nelle precedenti udienze, l’imputato – oggi presente in aula solo alle prime battute, assente quindi al momento della lettura della sentenza – aveva detto che la sua compagna era entrata nel bar di Sorso col coltello in mano e, scivolando, si era ferita da sola. “Sono in carcere da innocente”, aveva aggiunto.

I fatti ricostruiti in aula dicono che sabato 15 febbraio 2020 Zdenka Krejcikova, dopo un litigio col compagno, era scappata dalla casa di via Tiziano per rifugiarsi nel bar sotto casa, dove l’uomo l’aveva raggiunta e ferita con un coltello da cucina per poi caricarla in auto assieme alle figlie e scappare fino a Ossi, abbandonandola agonizzante in un appartamento di via Spinoza, vicino alla guardia medica.

La vittima era stata soccorsa su un’ambulanza, ma i tentativi di salvarle la vita erano stati vani. Fadda era stato arrestato la mattina successiva nel parcheggio di un centro commerciale di Sassari, dopo una serrata caccia all’uomo. Le due bambine gemelle della donna, oggi 13enni, erano con lui nell’auto usata per la fuga, spaesate e spaventate, ma salve.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
3
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
3
Share