Rogo rifiuti campo rom a Cagliari, pm verso richieste rinvio a giudizio

L’indagine era scattata lo scorso anno dopo le denunce degli abitanti vicini ai quartieri di Mulinu Becciu e Su Planu, a Cagliari, nonché da parte di vari comitati e associazioni ambientaliste, a causa di ripetuti roghi di rifiuti nel campo nomadi poco distante dalla sede della motorizzazione. Ora dopo il sequestro dell’area, ai margini della statale 554 che non è stata però sgomberata, il sostituto procuratore Giangiacomo Pilia ha chiuso le indagini preliminari e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio nei confronti di nove cittadini di origini bosniaca accusati, a vario titolo, di disastro ambientale, gestione di rifiuti non autorizzati e inquinamento. Stando all’ipotesi degli inquirenti, con i roghi che i componenti di due famiglie nomadi appiccavano in una zona del campo veniva estratto il rame da cavi elettrici e altro materiale altamente inquinate che poi finiva a ridosso della Motorizzazione.

Foto Grig

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share