Ricci di mare, la pesca è senza freni: chili di polpa illegali, ristoranti stangati

La pesca abusiva dei ricci di mare in Sardegna non conosce limiti. Una serie di controlli a tappeto eseguiti dal Corpo forestale e dalla Asl in 27 ristoranti e rivendite abusive ha portato al sequestro di oltre due chili di polpa preparata illegalmente. In totale sono state emesse nove violazioni amministrative e maxi sanzioni per 45mila euro. Si va dalla vendita illegale di vasetti di polpa di ricci in strada alla somministrazione di piatti a base di ricci preparati senza alcuna documentazione di tracciabilità e confezionamento.

Nel mirino non sono finiti soltanto i rivenditori abusivi ma anche ristoranti regolari. Inoltre sono state riscontrate violazioni in materia d’igiene e sicurezza degli alimenti. In particolare per quanto riguarda due ristoranti cagliaritani, viste le gravi irregolarità in materia d’igiene, la Asl ha emesso emesso due ordinanze di chiusura temporanea dell’attività.

LEGGI ANCHE: Ricci di mare, moratoria sulla pesca: raccolte più di 7mila firme nell’Isola 

Sui ricci di mare negli ultimi anni si sta combattendo una battaglia per cercare di preservare la specie, sempre più a rischio nei mari dell’Isola. Sui social sono numerosi gli appelli di associazioni, ristoratori sensibili al tema, esperti e tantissime persone che chiedono uno stop totale alla pesca per alcuni anni. Il rischio infatti è che le taglie commerciali, già in sofferenza, spariscano. Ma non solo. Lo ricorda anche il Corpo forestale dopo l’operazione dei giorni scorsi: “Rivolgiamo un appello ai consumatori che hanno a cuore la propria salute e la biodiversità marina, affinché evitino l’acquisto della polpa dei ricci smerciati in bancarelle: nessun rivenditore ambulante è autorizzato a confezionarla né a somministrarla come condimento dei cibi. In ogni modo, è vietato vendere la polpa di riccio all’interno di contenitori improvvisati e privi di regolare etichettatura: il contento non è conforme alle norme sull’igiene e con tutta probabilità proviene da ricci non commercializzabili legalmente perché pescati sottomisura: il diametro minimo previsto dalle norme di tutela è di 50 mm, esclusi gli aculei”. A.D

LEGGI ANCHE: L’approfondimento ‘Peccato di gola’ su Sardinia Post Magazine 

Total
258
Shares
Загрузка...
Related Posts
Total
258
Share