Ppr, petizione ambientalista del Grig: “Oltre 30mila firme per tutelare coste”

Il Gruppo di’intervento giuridico porta avanti la sua battaglia ambientalista per difendere i vincoli del Ppr. “In questi giorni il Consiglio regionale della Sardegna sta esaminando la proposta di legge che permetterebbe a una maggioranza ‘mattonara‘ di riscrivere in perfetta solitudine il Piano paesaggistico regionale – denuncia il Grig -, consentendo il ritorno di ruspe e cemento anche a due passi dal mare. Nelle prossime settimane andrà in discussione l’altra proposta di legge, della stessa Giunta regionale, che prevede aumenti di volumetria lungo i litorali e nelle aree agricole”.

Grazie all’ostruzionismo delle forze politiche di opposizione, l’esame della proposta di legge è stato sospeso per alcuni giorni, ma riprenderà il prossimo giovedì 9 luglio – continua la nota dell’associazione ambientalista -. È un assalto senza precedenti alla parte più pregiata (e appetita) del patrimonio ambientale dell’Isola. L’associazione ecologista Gruppo d’intervento giuridico onlus ritiene che oltre alle azioni legali che saranno messe in campo, ci sia bisogno di un grande sostegno popolare per contrastare questa deriva speculativa“.

“Ed è così: siamo sempre di più, siamo già oltre 30mila cittadini ad aver aderito alla petizione per la salvaguardia delle coste della Sardegna, per il mantenimento dei vincoli di inedificabilità costieri, i vincoli di inedificabilità nella fascia dei 300 metri dalla battigia marina, stabiliti dalle normative vigenti e dalla disciplina del Piano paesaggistico regionale – continua il Grig -. Migliaia e migliaia di cittadini chiedono a gran voce una scelta di salvaguardia ambientale, una scelta per preservare il futuro, una scelta di civiltà. Altro cemento sulle coste non vuol dire turismo, significa solo degrado ambientale e perdita di attrattiva”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
16
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
16
Share