Massacrata di botte durante un festino. Due a processo con l’accusa di omicidio

A processo per omicidio volontario aggravato da futili motivi. Jalal Hassissou, 40 anni, e Soufyane El Khedar di 36 anni, entrambi marocchini, sono stati rinviati a giudizio dal Gup del tribunale di Tempio e dovranno difendersi dall’accusa di aver picchiato brutalmente Zeneb Badir la donna di 34 anni, madre di tre figli, poi morta lo scorso luglio in ospedale a Olbia.

LEGGI ANCHE: Picchiata sino alla morte, 34enne uccisa durante festino con droga

Secondo quanto riporta La Nuova Sardegna, ad avvalorare la tesi dell’accusa ci sarebbe anche una lettera, scritta da due detenuti rinchiusi in carcere a Bancali e Oristano dove Hassissou e El Khedar si trovano attualmente, che riporterebbe alcune confidenze fatte dai presunti assassini.

LEGGI ANCHE: Picchiata per ore durante un festino, gli inquirenti: “Un femminicidio feroce”

La vicenda. Zeneb Badir il 23 luglio 2018 era stata picchiata in una casa di campagna a Baia Sardinia, in Gallura,  dove viveva temporaneamente assieme ai due marocchini. La vittima sarebbe stata massacrata per ore durante un festino a base di cocaina.

LEGGI ANCHE: Massacrata di botte e uccisa in Gallura, gli indagati restano in carcere

 

 

 

Total
16
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
16
Share