Il comitato “Fuori dalle pale!”: “Una vittoria per tutti”

Scattano i sigilli e la comunità plaude alla decisione della Procura di Cagliari di porre sotto sequestro l’impianto eolico sorto tra Villanovaforru, Sanluri e Sardara.

“Il sequestro degli aerogeneratori sorti tra è una vittoria per il territorio”. È questo il commento a caldo del neonato comitato “Fuori dalle pale!” che a Villanovaforru si batte contro l’installazione di nuovi aerogeneratori. “Pensata per garantire l’autonomia energetica delle aziende agricole, la tecnologia del minieolico si trova oggi al centro di una forte attività speculativa che convoglia energia e profitti lontano dalle comunità”, spiega il portavoce del comitato forrese Maurizio Onnis mentre gli uomini della forestale appongono i sigilli alle pale eoliche.

Il prezzo pagato dalle comunità è in molti casi elevato: spesso, infatti, gli impianti per la produzione di energia elettrica sorgono in terreni agricoli di pregio. Così è successo a Villanovaforru, dove ora la Procura potrebbe disporre il sequestro di altre aree. Sulle colline della Marmilla è infatti prevista la realizzazione di ulteriori sei pale eoliche.

Il sequestro delle nove pale arriva alla vigilia della Marcia della Terra promossa dal comitato “Fuori dalle Pale!”e patrocinata dal comune di Villanovaforru. La marcia attraverserà i luoghi dell’agro colpiti dalla speculazione dell’eolico.

Piero Loi

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share