Allevatore ucciso a bastonate: litigi per il pascolo all’origine del delitto

Non si fermano gli accertamenti dei carabinieri della Compagnia di Isili sull’ omicidio di Massimo Deidda, l’allevatore di 63 anni ucciso a bastonate nel suo terreno in contrada Aureddus a Gergei, nel sud Sardegna.

Per il delitto sono già stati fermati con l’accusa di omicidio volontario non aggravato dalla premeditazione Cesare Tiberio Farris, di 59 anni, e il figlio Stefano, di 39.

A mettere sulla pista giusta i carabinieri, intervenuti intorno alle 21 a Gergei, sono stati sia gli indizi recuperati nel terreno di Deidda, ma anche il racconto di alcuni testimoni che avrebbero assistito alla lite.

Secondo quanto accertato dai carabinieri all’origine dell’omicidio ci sarebbero attriti tra i tre allevatori, ruggini vecchie e nuove per problemi di pascolo, culminate nel corso del tempo con alcuni danneggiamenti e anche il furto di un cavallo.

Ulteriori elementi arriveranno domani dopo l’autopsia sul corpo della vittima, che sarà eseguita del dottor Roberto Demontis al Policlinico di Monserrato.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
37
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
37
Share