Tartarughe a rischio per la mareggiata, nuovi piccoli spostati in cala riparata

La mareggiata rischiava di compromettere il nido di tartarughe marine a Cala Sinzias e i tecnici hanno deciso di intervenire e mettere al sicuro i nuovi piccoli e le ultime uova. Giovedì notte erano sbucati dalla sabbia 74 piccoli di caretta caretta, che avevano preso subito la via del mare. Lo scirocco con onde di questo fine settimana rischiava di danneggiare il nido e compromettere la schiusa delle altre uova. Per questo motivo lo staff tecnico dell’Area marina protetta di Capo Carbonara assieme al centro di recupero del Cnr nel Sinis, sotto il coordinamento dell’assessorato regionale all’Ambiente, ha deciso di intervenire per metterle in salvo.

LEGGI ANCHE: VIDEO. Nate 74 tartarughe a Castiadas: la passeggiata notturna verso il mare

Con la giusta cautela, il personale ha aperto il nido e ha scoperto che c’erano 18 piccoli appena nati impegnati nella risalita fuori dalla sabbia, nove uova ancora chiuse mentre un altro piccolo aveva già raggiunto il mare portando il totale di neonati a 75. La mareggiata sulla spiaggia di Cala Sinzias avrebbe creato un serio pericolo per le piccole caretta caretta e si è deciso di portarle in una cala più riparata dallo scirocco. I tecnici hanno così portato i 18 piccoli sulla spiaggia della Fortezza vecchia, a Villasimius, a ridosso dal vento le tartarughine hanno potuto raggiungere il mare all’imbrunire. In attesa delle ultime nuove uova.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share