VIDEO. Nate 74 tartarughe a Castiadas: la passeggiata notturna verso il mare

“Lieto evento a Cala Sinzias. 74 piccoli di tartaruga Caretta caretta sono nati tra le 22.30 e le 24 circa del 19 settembre dal nido neo-identificato in una porzione di spiaggia dello stabilimento Lido Tamatete”. Lo scrivono sulla pagina Facebook dell’Area marina protetta di Capo Carbonara, annunciando con soddisfazione la nascita e l’allontanamento in mare delle tartarughine. Sul posto sono intervenuti lo staff dell’Amp Capo Carbonara, che ha seguito la nascita fin dalla segnalazione del primo piccolo emerso, insieme al personale della Capitaneria di porto di Villasimius e il Corpo forestale.

“Presenti alla nascita e alla marcia dei neonati sino all’acqua anche il titolare e lo staff dello stabilimento, che con il loro prezioso supporto hanno permesso anche l’identificazione della camera del nido – si legge ancora sul social network -. Il nido è stato messo in sicurezza e sarà monitorato per i prossimi giorni fino all’ispezione della camera”.

Nel lungo post il personale dell’Area marina ribadisce le istruzioni da seguire. “Resta fondamentale il rispetto delle disposizioni per la salvaguardia della fauna marina protetta – scrivono – chi avvista una tartaruga marina deve evitare di disturbare l’animale mantenendo il silenzio e una distanza di almeno quattro metri dall’esemplare, avendo cura di non posizionarsi mai di fronte per non scoraggiarlo nella scelta del sito. Occorre assolutamente evitare il contatto fisico e contenere il numero degli osservatori al minimo e comunque non superare il numero massimo di dieci osservatori alla distanza di quattro metri. Da evitare l’uso di flash e di sorgenti luminose che alterino le condizioni di luminosità esistenti. L’eventuale uso di torce è consentito solo al termine della fase di deposizione, preferibilmente schermandole con filtro rosso (o drappo di tessuto) ed esclusivamente per facilitare la corretta individuazione del nido per la successiva delimitazione a cura del personale del Corpo forestale regionale. La Rete regionale per la conservazione della fauna marina continua a monitorare i siti in attesa di eventuali nuove schiuse”.

Guarda il video

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
50
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
50
Share