Grig lancia petizione a difesa degli usi civici

Una petizione a difesa degli usi civici. È l’iniziativa lanciata dall’associazione ambientalista Gruppo d’intervento giuridico (Grig) per contrastare “l’offensiva istituzionale sui patrimoni collettivi di centinaia di centri, grandi e piccoli, dell’Isola”. In seguito all’approvazione della legge regionale sulla sclassificazione delle terre comunitarie e alla mancata impugnazione delle nuove norme da parte del Consiglio dei ministri, per l’associazione “il rischio privatizzazione è sempre più alto”.

Ecco perché il Grig chiede “l’abrogazione delle nuove norme varate dal Consiglio regionale, l’avvio delle operazioni di recupero delle migliaia di ettari occupati abusivamente e la promulgazione dei 123 provvedimenti di accertamento di altrettanti demani civici che dormono nei cassetti regionali da oltre 4 anni”. Nel 2012, infatti, l’assessorato all’Agricoltura portò a termine l’inventario delle terre destinate ad usi civici in oltre 360 comuni della Sardegna. Per circa 240 di essi vennero promulgati i relativi provvedimenti di accertamento, mentre per gli altri 120 comuni l’iter non venne completato.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share