Sport e formazione, a Nuoro un progetto per favorire l’autonomia dei ragazzi disabili

“Sulle ali dell’ inclusione” è il progetto partito a Nuoro tra sport, relazioni sociali e momenti di educazione e formazione, rivolto ai ragazzi disabili. Promosso dalla Caritas della diocesi di Nuoro e dalla SpeedySport onlus, ha il patrocinio dei Comuni di Nuoro e Galtellì e la partecipazione dell’associazione nazionale invalidi civili (Anmci) e di varie scuole: l’istituto tecnico commerciale, il liceo scientifico Fermi e il liceo delle scienze umane.

Stamattina al teatro San Giuseppe di Nuoro la prima delle due giornate che avviano il progetto – che proseguirà il 3 dicembre – con un seminario formativo dal titolo “Sport come mezzo di inclusione sociale”. Da aprile 2023 fino a giugno il progetto metterà in campo una serie di attività sportive a Nuoro e si concluderà a settembre con due convegni sul tema. Nel teatro San Giuseppe, gremito di ragazzi, sono intervenuti, tra gli altri, Marco Calamai, allenatore di basket della Fortitudo Bologna e inventore del “metodo Calamai” sul rapporto tra sport e disabilità, la psichiatra Franca Carboni, il pedagosista della SpeedySport Francesco Fancello e il presidente dell’Anmc territoriale Francesco Bosu.

“Il progetto intende promuovere condizioni di vita dignitose e un sistema di relazioni soddisfacenti per le persone che presentano difficoltà nella propria autonomia personale e sociale – ha spiegato Fancello -. Lavoreremo all’organizzazione di attività sportive come calcio, atletica, bocce, tiro all’arco e momenti di incontri in contesti relazionali dove i ragazzi possano agire, scegliere, giocare e vedere riconosciuta la propria identità e il proprio ruolo nella società”. Bosu ha aggiunto: “La nostra società deve creare spazi e occasioni per favorire l’inclusione e l’autonomia delle persone con disabilità e lo sport può esser quel mezzo in grado di creare i presupposti per abbattere le barriere fisiche e mentali”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
16
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
16
Share