Raccis, il primo bomber sardo in Serie A. Mandas lo ricorda a 100 anni dalla nascita

Quando il Cagliari era lontanissimo dalla Serie A, tutti in Sardegna tifavano Renato Raccis, primo bomber sardo con le maglie di Livorno e Milan. Scomparso nel 1979, era nato a Mandas il 17 giugno 1922. E il suo paese ha deciso di festeggiare i cento anni della sua nascita con una serie di iniziative che coinvolgeranno anche campioni del passato e del presente. “Spesso- ha raccontato il figlio Giorgio – mi sono chiesto quale sarebbe potuto essere l’esempio da tramandare ai giovani per ricordare mio padre e mi piace pensare, oltre al modello del cannoniere che ha fatto tanti gol, la storia di un ragazzo di appena sedici anni che lascia il castello e va da solo a Prato nel 1938. Erano altri tempi e non c’era di sicuro la possibilità di conoscere il mondo fuori dalla tua casa. Ma ha avuto coraggio ed è rimasto sempre con i piedi per terra, divertendosi a fare gol ma senza mai perdere i suoi valori, la sua identità e la sua fermezza”.

In sala anche gli ex rossoblù Beppe Tomasini, Adriano Reginato e Gigi Piras. Presenti anche l’assessore regionale al Turismo, Gianni Chessa, e il sindaco di Mandas Umberto Oppus. Raccis è stato il primo calciatore sardo a giocare in Serie A, terzo bomber isolano di sempre nella massima serie, dietro a Virdis e Zola, ma davanti a Sau e Piras. A rendergli omaggio, oltre ai campioni del Milan del presente e del passato, che hanno già fatto pervenire i loro messaggi, come Costacurta e Baresi, ce ne saranno altri che raggiungeranno Mandas per non mancare all’evento. Complimenti anche da Livorno: in Toscana l’attaccante sardo ha sfiorato lo scudetto nella stagione 1942/1943. In programma l’intitolazione di una strada di Mandas, un torneo giovanile, la “Partita del Centenario” tra le vecchie glorie del Cagliari e quelle locali, la presentazione di un libro sulla sua storia, un premio promosso dall’Ussi (stampa sportiva). Previsto anche un raduno con i sindaci dei paesi dell’isola che hanno espresso calciatori con almeno una presenza in A.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
18
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
18
Share