Kick boxing, Canalis pronta al suo primo incontro: “Più spazio per questo sport”

Ci siamo: sabato, sul ring allestito nella splendida Reggia di Venaria, in Piazza della Repubblica 4 a Venaria Reale, Elisabetta Canalis farà l’esordio nella kick boxing prendendo parte alla ‘Night of Kick and Punch’ e sostenendo un match sulla distanza di tre riprese da un minuto e mezzo ciascuna contro Rachele Muratori.

Le regole saranno quelle dello stile low kick: pugni al viso ed al corpo, calci al viso, al corpo ed alle gambe. “Sono felice della presenza di tanti giornalisti e fotografi a questa conferenza stampa – il commento della Canalis nel corso della presentazione dell’evento, tenutasi a Milano -. Uno dei motivi per cui ho voluto salire sul ring è aiutare la kickboxing ad avere maggiore spazio sui mezzi di comunicazione. Vivo a Los Angeles e quindi so quanta visibilità hanno gli sport da combattimento negli Stati Uniti”.

Secondo l’ex Velina di ‘Striscia’, “questi atleti meritano di essere famosi a livello nazionale anche in Italia. Ammiro molto la campionessa di ‘mixed martial arts’ Amanda Nunes e le fuoriclasse di kickboxing e muay thai che vedo combattere nel circuito One Championship”.

“A proposito – ha aggiunto -: oggi con noi c’è Joseph Lasiri che ha vinto il titolo mondiale dei pesi paglia di One Championship. Mi sono allenata anche con lui, sotto lo sguardo attento di Angelo Valente. Voglio fare i complimenti a Joseph per aver compiuto una grande impresa”. Lo stesso che vuole fare lei, nonostante si troverà di fronte una rivale coriacea come la Muratori, convinta che sia “strano pensare di dover picchiare la Canalis”.

L’organizzatore, Angelo Valente ha sottolineato invece che “i nostri campioni di kickboxing compiono grandi imprese, ma la stampa italiana li ignora. Meritano maggiore spazio sui mezzi di comunicazione, e spero che l’esordio di Elisabetta possa giovare alla causa”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
31
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
31
Share