Il Cagliari punito dal Venezia per 4 a 1. Pavoletti: “Fa male perdere così in casa”

Come è triste il Venezia, anche cinque mesi dopo. Quella che doveva essere  la rivincita del 23 maggio scorso quando i lagunari già retrocessi  avevano trascinato in serie B anche il penoso Cagliari  targato Mazzarri (e Agostini nelle ultime tre gare), è stata invece una nuova umiliante sconfitta al cospetto dei lagunari, stavolta capaci di infliggere ai rossoblù un sonoro  4-1 in casa loro.

Un Cagliari decisamente imbarazzante,  con un allenatore   che  non è  sembrato avere la situazione in pugno e che in tre mesi di gestione  non è stato capace di dare uno straccio di gioco alla squadra nonostante il grosso potenziale di cui dispone, ferma restando la cronica mancanza di un regista e di difensori validi.

Una sconfitta umiliante che mette a nudo le debolezze caratteriali del Cagliari e che, a questo punto, ha necessità di una brusca sterzata.  Quale? La posizione di Liverani, finora  apparentemente solida ma  dietro le quinte già scricchiolante, si è fatta decisamente pesante.

Giulini e Capozucca  non possono non aver preso atto del fallimento finora totale. Non tanto per i risultati deludenti e la classifica mediocre, quanto per quel che la squadra ha fatto vedere in campo.  In  sette partite, le note positive sono state pochine. Gli avversari concorrenti per le zone alte della classifica hanno fatto vedere e intravvedere ben altro. Il Cagliari, ora come ora, non è in grado di aspirare a un ritorno in serie A. Ci pensino, presidente e direttore sportivo, prima che sia troppo tardi.

La classifica si muove, il Cagliari rimane fermo. Liverani è stato accontentato in tutto e per tutto, gli sono stati acquistati i giocatori che lui voleva, i fedelissimi del Lecce capace di passare dalla serie C alla A. Ma i risultati non sono quelli auspicati. È vero, mancano  ancora tre partite alle dieci che il mister aveva indicato come limite per capire cosa è e a cosa può ambire il suo Cagliari, ma non è pensabile che nelle tre  gare ancora disponibili possa comparire  miracolosamente una squadra  diversa, in grado di rispettare le aspettative dei tifosi e della società.  Ci si aspettavano in campo undici leoni  dopo la debacle in casa con il Bari, giocatori con la rabbia in corpo.  Invece solo confusione e approssimazione, le promesse della vigilia di Liverani di impostare un gioco che portasse più giocatori  ad accompagnare l’azione di attacco e di conseguenza nel cuore della difesa avversaria, sono rimaste nei  microfoni delle interviste pre partita. 

“Sconfitta meritata sotto tutti punti di vista – ha detto Fabio Liverani nel post gara -,  abbiamo perso sotto il profilo tecnico e tattico. Peggio delle precedenti sei. Non siamo riusciti a trovare giocate e ad affondare, ho provato anche con i cambi ma tutto inutile. Negli ultimi 20-25 metri ci manca parecchio. Abbiamo fatto  tanti regali, dopo l’1-2  la partita si è messa definitivamente male. Faremo riflessioni durante la settimana”.   

 A testa bassa in sala intervista anche il capitano Pavoletti. “È veramente difficile parlare in questo momento – ha detto  l’attaccante -, vorrei stare in silenzio, sono qui solo per rispetto del lavoro di voi giornalisti. Fa male, perdere in casa 4 a 1 è umiliante, poi con il Venezia che ha segnato la nostra retrocessione. Difficile trovare le parole giuste.  Sono qui a parlare per non mancare  rispetto a voi, società e dei tifosi. È il punto più basso che il Cagliari ha raggiunto in questo campionato”.

Come ha detto anche  Liverani, servono riflessioni, attente e crude. Da parte di giocatori, tecnico e società. Si arrivi pure alle dieci partite di rodaggio chieste dal mister, ma attenti a non farsi cogliere impreparati in caso di ulteriori delusioni.

Luciano Onnis

Cagliari (4-3-2-1): Radunovic, Zappa, Goldaniga, Altare, Barreca; Nandez, Deiola, Rog (46°Makoumbou); Pereiro, Mancosu, Pavoletti. (All: Liverani)

Venezia (3-5-2): Joronan; Wisninewski, Modolo,Ceccaroni, Zampano, Busio, Andersen, Cuisance, Haps, Pohjanpalo, Novakovich. (All: Javorcic)

Arbitro: Cosso

Reti: 38’ Mancuso, 50’ e 66’ Cheryshev, 82’ Haps. 

[Foto dal sito ufficiale www.cagliaricalcio.com]

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
7
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
7
Share