Cagliari in serie B, retrocessione meritata. Ora serve una rifondazione

Una squadra  umiliante e umiliata, merita la serie B senza se e senza ma.  Come la merita  chi l’ha partorita, specchio fedele di quanto visto in campo anche nell’ultima partita di questo  sciagurato campionato. E adesso che si faccia  piazza pulita,  via i falsi mostri sacri e via chi non è all’altezza,  nessuno escluso se non  qualche giovani su cui poter puntare con certezza nella serie inferiore e magari ritrovarselo buono in futuro. Ieri sera dalle 21,06 sembrava potersi ripetere il miracolo dello scorso anno  a discapito del Benevento.  L’Udinese che segna  nei  primi minuti a Salerno e concretizza  progressivamente il  vantaggio fino a portarlo sul 4 a 0 a soli  32 minuti dalla fine, era il pass partout per al salvezza dei rossoblù. Il Cagliari ha avuto una intera partita per fare un misero goletto ai resti del Venezia già retrocesso, ma non c’è riuscito. Il regalo che gli stava fornendo la derelitta  Salernitana su un piatto d’oro costellato di diamanti,  lo hanno restituito all’offerente. 

I campani rimangono in serie A per oscena concessione di giocatori mediocri e perfino scadenti come si sono rivelati i rossoblù. Ma non è colpa loro se si sono trovati  a dover affrontare una situazione che non sono stati capaci di  affrontare e tanto meno gestire. Qualcuno li ha messì lì, e di questo deve  rispondere.  Assemblati scriteriatamente dal presidente Giulini  e dal ds Capozucca, guidati  in maniera ancora peggiore da un ex allenatore fermo nei suoi concetti calcistici a dieci anni fa, senza una leader in campo e negli spogliatoi, senza un cuore e senza un’anima: questo è il Cagliari precipitato meritatamente in  B.   La sentenza inappellabile del tribunale del campionato è arrivata e fa male, molto male: sprofondo rossoblù,  squadra e società lasciano la principale vetrina nazionale del calcio e vanno  a giocare contro Cittadella, Südtirol e  Frosinone anziché Milan, Inter, Juventus, Napoli, Roma. Il calcio emette  quasi sempre verdetti meritati:  c’è chi ha il suo  premio e chi il castigo.  Come appunto il Cagliari, che questo defenestramento  lo merita tutta. Ci stava provando da tre anni, adesso è arrivato. Come si temeva da quando squadra e allenatore hanno confermato  tutti i loro limiti tecnici, agonistici e caratteriali.  Fa rabbia che sia  stata una sentenza annunciata, fa rabbia che la società se la sia cercata. Quasi l’avesse voluta. Negli ultimi due precedenti campionati,  la salvezza era arrivata per il rotto della cuffia, più per demeriti altrui che meriti propri. Ma questi maxi-regali  non sono stati  elaborati e  interiorizzati   dalla dirigenza rossoblù.

Il presidente  Giulini non ha saputo far tesoro delle lezioni ricevute e ha  perseverato nel disastroso allestimento dell’organico e nella scelta degli allenatori. E perfino nello staff dirigenziale, nel quale non basta avere una profonda  fede rossoblù per sopperire a inesperienza e mancanza di requisiti professionali adeguati ai massimi livelli. Gli errori commessi da Giulini  sono innumerevoli, così come sono tantissimi i soldi gettati  via nella costruzione della squadra. Il tesoretto procurato con la vendita di Barella, ai quali si sono aggiunti i milionari diritti  televisivi e degli sponsor,  è stato dilapidato con l’acquisto di una ciurma di  carneadi qualsiasi, recuperati in  campionati esteri  senza che nessuno li avesse visionati seriamente,  e  con l’ingaggio di vecchie glorie ormai rotte e  scariche, sia fisicamente che mentalmente. Fare un elenco dei flop sarebbe come scrivere un poema, tanti sono i personaggi protagonisti. Per i pochi acquisti azzeccati, ce ne sono una ventina  che gridano vendetta. I danni della retrocessione sono inestimabili, sia economicamente  che in termini di immagine della gloriosa società rossoblù, di Cagliari, della Sardegna tutta. Lo slogan “Una terra, un popolo, una squadra” ideato dalla società per spiccare il volo verso l’Europa, oggi fa soffrire anziché gioire. I suoi contenuti, che sono stati oggi traditi, devono essere il trampolino di lancio per la rinascita rossoblù. La risalita dalla serie B non è mai facile. Il Cagliari di Giulini ha il precedente  del ritorno immediato con Rastelli allenatore, ma altre società blasonate sono naufragate nella mediocrità della categoria inferiore. Il presidente  ha il dovere di presentarsi davanti ai tifosi e chiedere scusa, lo deve fare anche verso Cagliari e la Sardegna intera. Lui, ne siamo convinti, è una persona onesta, generosa e affezionata ai colori rossoblù. Deve ammettere però di aver sbagliato, e anche tanto; deve dire subito se intende continuare o se passa la mano; deve dire cosa intende fare per riportare subito il Cagliari nel posto che gli compete, la serie A; deve fare fatti e non promesse. I tifosi cagliaritani, e i sardi in genere, non meritano di essere traditi ulteriormente. Quei settecento cuori rossoblù (loro si)  che anche ieri hanno accompagnato la squadra nella lontana e disagevole Venezia nonostante le scarse probabilità di salvezza, devono ricevere rispetto e onore.  A fine partita li abbiamo visti piangere sulle tribune del Penzo, guardare increduli nel vuoto. Guardare la serie B.  Non meritavano questa vergogna.

Luciano Onnis

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
28
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
28
Share