Capo Frasca, stop alle esercitazioni. Ma solo per un po’

Lo ha annunciato l’Aeronautica militare. Così sino all’istituzione di un presidio antincendio. Pigliaru, intanto, ha scritto al ministro della Difesa.

Scatta lo stop alle esercitazioni militari nel poligono di Capo Frasca: così fino a quando non verrà istituito un presidio antincendio. Lo ha annunciato l’Aeronautica militare con una comunicazione al sindaco di Arbus, Francesco Atzori, dopo l’incendio scoppiato ieri all’interno dell’area. A renderlo noto è lo stesso primo cittadino.

VOLI MILITARI FERMI. La decisione dell’Aeronautica, tuttavia, non ferma le polemiche. “Si tratta – spiega il sindaco – di un provvedimento che non cambia di una virgola il problema ripropostosi con quanto avvenuto ieri pomeriggio”. Ovvero, un territorio a rischio costante. A Capo Frasca le esercitazioni sono riprese all’inizio del mese, dopo olo stop estivo a luglio e agosto, come impone la legge. Ieri a volare sono stati aerei tedeschi. “Se domani distaccano a Capo Frasca un’autobotte come mezzo minimale antincendio e anche un elicottero – afferma Atzori – le esercitazioni aeree a fuoco riprendono immediatamente. Pretendiamo che le operazioni di addestramento vengano sospese per tutto settembre, le spiagge sono ancora piene di bagnanti. Da tempo stiamo chiedendo che le esercitazioni sui cieli della nostra costa non vengano effettuate durante tutta la stagione estiva, a partire da giugno. I turisti scappano infastiditi dal frastuono dei caccia in volo e dagli scoppi dei bombardamenti: per la nostra economia le esercitazioni sono un peso insostenibile”.

L’ISPEZIONE DELL’AERONAUTICA. Da registrare anche il sovralluogo dell’Aeronautica militare fatto questa mattina nel poligono, dove è avvenuto l’incendio. L’ispezione è stata coordinata dal comandante della base aerea di Decimomannu, il colonnello Fabio Sardone.

SEDUTA STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO. Intanto il governatore Francesco Pigliaru ha inoltrato oggi al presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau, la richiesta di convocazione straordinaria dell’assemblea sarda “per comunicazioni aventi a oggetto il grave incidente avvenuto nel poligono militare di Capo Frasca”. La risposta di Ganau non si è fatta attendere: la seduta è stata fissata per martedì 9 settembre dalle 16.

LA LETTERA AL MINISTRO. Pigliaru ha anche scritto una lettera al ministro della Difesa, Roberta Pinotti, per chiedere, come già aveva fatto a Roma durante le audizioni nella conferenza nazionale sulle Servitù, l’immediata “interruzione di tutte le esercitazioni militari per l’intera stagione turistica e istituzione di Osservatori indipendenti di monitoraggio ambientale all’interno dei poligoni militari. Sono questi “i punti di partenza di qualunque trattativa sulle servitù militari”, di cui la Regione Sardegna chiede con forza il riequilibrio. Pigliaru ha deciso di mandare la missiva al ministro “per esprimere la decisa presa di posizione della Regione dopo l’incidente accaduto nel Poligono di Capo Frasca nel corso di un’esercitazione militare”. Nella lettera, il governatore evidenzia la gravità dell’episodio, sottolineando la mancata comunicazione da parte del Ministero e informando di aver dato disposizioni al Corpo Forestale di intensificare le azioni di monitoraggio e vigilanza. “L’accaduto – ha scritto il governatore – desta la preoccupazione di tutti i sardi per la tutela della salute e dell’ambiente, diritti sanciti dalla Carta Costituzionale e rispetto ai quali la Regione Sardegna ha il dovere di garantire e vigilare”.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share