Valorizzazione di fari e vecchie stazioni di vedetta, intesa tra Regione e Demanio

Il vecchio Faro di Razzoli a La Maddalena, l’ex stazione di vedetta di Marginetto, sempre nell’arcipelago, le ex stazioni semaforiche di Capo Ferro a Porto Cervo e di Punta Scorno all’Asinara: ecco alcuni dei luoghi di pregio storico, artistico e paesaggistico che saranno recuperati grazie all’accordo sottoscritto a Villa Devoto dalla Regione e dall’Agenzia del Demanio.

L’intesa mira a dare attuazione concreta al programma ‘Orizzonte_Fari‘ già deliberato a giugno dalla Giunta Pigliaru e che riguarda anche il Faro di Punta Filetto (La Maddalena), l’ex Faro di Capo d’Orso (Palau), le ex stazioni segnali di Capo Sperone (Sant’Antioco, nella foto dal blog Sardegna fari) e di Punta Falcone (Santa Teresa di Gallura), l’ex stazione di vedetta di Capo Figari (Golfo Aranci) e il Faro di Capo Comino (Siniscola), l’unico ancora di proprietà dello Stato.

Il protocollo siglato oggi avvia anche il progetto “Cammini e percorsi” con cui la Giunta punta a riqualificare gli immobili prossimi a cammini religiosi e ciclovie, ma anche a esaltare l’altra iniziativa connessa alla realizzazione delle ciclovie turistiche (1.230 chilometri dislocati in tutta l’Isola). Lo scopo, nel caso dei fari e dei percorsi, è quello di creare attività a servizio del turismo lento e per la scoperta del territorio, in particolare nelle zone interne. “In questo modo vogliamo dare un’ulteriore motivazione per lo sviluppo un turismo che sia più di qualità e meno di quantità”, ha detto il governatore Francesco Pigliaru.

Entro l’anno saranno pronti i bandi di gara per la concessione di valorizzazione dei dieci fari per una durata massima di 50 anni. Quanto al progetto ‘Cammini e percorsi’, i beni (case cantoniere, caselli idraulici, piccole stazioni che saranno individuati entro fine anno) potranno essere assegnati titolo gratuito con procedure ad evidenza pubblica in favore di imprese, cooperative e associazioni costituite da giovani con meno di 40 anni. “Soprattutto nell’ottica dei cammini – ha sottolineato l’assessore agli Enti locali, Cristiano Erriu – si tende a lavorare a favore della destagionalizzazione dell’offerta turistica”. Per il direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, “l’accordo che abbiamo firmato e la sua attuazione avranno ricadute importanti a livello di investimenti e di occupazione giovanile. Noi ci impegniamo a regolarizzare questi beni a livello di documentazione catastale urbanistica, liberando da questa incombenza gli investitori”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share