Trivellazioni, passa emendamento: “La competenza sul gas resta alla Regione”

Approvato emendamento in commissione, grazie al quale alla Camera la notte scorsa è stata sbloccata la questione delle competenze sulle ricerche petrolifere terrestri. L’annuncio è arrivato da Mauro Pili, che ha commentato: “In Sardegna non passa il golpe di Renzi per spostare la competenza sulle ricerche petrolifere terrestri in capo allo Stato. Il tentativo di includere le perforazioni petrolifere su terra ferma tra le competenze dirette del governo è saltato alle 4 del mattino quando, la maggioranza prima e il governo poi, hanno dovuto ammettere che le Regioni a statuto speciale non potevano essere incluse nel pacchetto del golpe petrolifero”. Il deputato di Unidos ha fatto riferimento ad un emendamento presentato da lui, ma la deputata del Pd Giovanna Sanna ha precisato: “L’emendamento approvato “non è quello dell’onorevole Pili, ma porta la firma di Alfreider, del gruppo misto. Gli altri emendamenti di Pili sono stati tutti respinti”.

“Il testo di Alfreider l’ho firmato anche io”, sottolinea la parlamentare aggiungendo che, una volta approvato, “Pili ha ritirato il suo perché compreso nel testo in cui si richiama alle prerogative delle regioni a statuto speciale e alla clausola di salvaguardia, compatibilmente con le norme dello statuto stesso e di quelle di attuazione”.

“In pratica – conclude la deputata Pd – l’emendamento approvato dice che bisogna vedere cosa c’è scritto nei vari statuti e lascia le prerogative alle regioni così come sono se c’è competenza in materia. Ed è il caso della Sardegna”.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share