Psd’Az di nuovo in Parlamento dopo 22 anni grazie a Salvini: eletti Solinas e De Martini

Il Psd’Az torna in Parlamento, dove era assente dal 1996. Dopo 22 anni, i Sardisti ritornano a Roma grazie all’accordo con la Lega di Matteo Salvini, conquistando due seggi. Uno è quello del segretario nazionale del partito Sardo d’Azione Christian Solinas, il secondo è Guido De Martini, oculista di Cagliari. I due partiti sfondano la soglia del 10%: nel 2013 la Lega aveva ottenuto solo lo 0,15% e il Psd’Az poco oltre il 2.

LEGGI ANCHE: Parlamentari al primo mandato e uscenti che tornano a Roma: i 25 eletti

“Tolto il M5s, l’unico progetto politico che cresce e guadagna fiducia tra i cittadini sardi è la Lega-Psd’Az, all’interno del quadro del centrodestra – commenta all’ANSA Solinas – È stato premiato un accordo chiaro basato su punti programmatici concreti nell’interesse della Sardegna e riconosciuta l’affinità sotto l’egida del federalismo. Quindi non si trattava di un’alleanza innaturale”. A Roma il leader Sardista porterà le istanze dell’Isola, “che vanno – spiega – dalla riforma dello Statuto alla tutela linguistica, dalla zona franca alla continuità territoriale fino alla rivisitazione profonda della riforma sanitaria e della rete ospedaliera”.

Un accordo con la Lega su basi programmatiche che guarda già alle regionali – stavolta con il simbolo dei Quattro Mori – “per costruire una solida base, riconquistare la Regione e riprenderci le grandi città delle Sardegna”. Voltandosi indietro verso le polemiche suscitate all’interno del Psad’Az per il patto con Salvini, Solinas non ha dubbi: “la risposta migliore – dice – l’hanno data i sardi. Hanno premiato la scelta fatta dalla segreteria e dal consiglio nazionale con un consenso che non si vedeva da tanto”. E sul polo indipendentista il leader sardista taglia corto: “il risultato è inferiore alla somma delle delle singole sigle”.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
4
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
4
Share