Portovesme Srl, 400 lavoratori a rischio. Appello a Regione e parlamentari

Entro la fine dell’anno oltre 400 lavoratori della Portovesme srl si ritroveranno in cassa integrazione a seguito dell’annunciata fermata della linea di produzione dello zinco dello stabilimento sulcitano a causa dell’aumento dei costi dell’energia, passati da 40 euro a 250 euro a Megawatt. Non aiuta neanche lo stop del vicino parco eolico. Così scattata la mobilitazione degli operai, i sindacati stanno, da un lato, trattando con l’azienda per arrivare ad un accordo solidaristico che sia il meno impattante possibile per gli stipendi dei lavoratori, dall’altro sollecitano la politica a sostenere la loro battaglia.

“Abbiamo chiesto oggi ai parlamentari di farsi portavoce di un problema importante che riguarda il costo dell’energia – spiega Emanuele Madeddu -. Sarebbe auspicabile un accordo sull’approvvigionamento che veda in prima linea il Governo e che metta dentro anche l’Ue. In settimana solleciteremo ancora una volta un incontro all’assessorato dell’Industria, anche se sappiamo che questo problema non è in capo alla Regione. E alla quale chiediamo che, insieme ai parlamentari, siano al nostro fianco per una battaglia che riguarda l’Italia e non solo il nostro territorio. Purtroppo anche oggi non è stato bel segnale la risposta dei nostri rappresentanti a Roma, visto che su 22 invitati all’assemblea ha risposto solo la deputata Romina Mura“.

E proprio l’esponente del Pd ha lanciato un apello per “evitare in qualsiasi modo la fermata della linea produttiva alla Portovesme srl. Occorre costruire un tavolo nazionale con Governo, azienda, Enel, sindacati, per trovare una soluzione che risponda all’emergenza, e poi bisogna lavorare su interventi strutturali a livello europeo, per arrivare a un approvvigionamento e stoccaggio congiunto che limiti l’impatto delle oscillazioni dei costi dell’energia”.

Poi, un attacco alla Giunta perché “non è in prima linea in questa contingenza, mentre altre Regioni come il Veneto di Zaia sono già impegnate a provare in tutti modi a evitare fermate di processi produttivi che hanno impatti sull’occupazione. È essenziale attivare nella legge di bilancio il fondo di cui ha parlato il ministro Giorgetti – ha spiegato – per sostenere le Pmi e le aziende energivore, come la Portovesme srl, di fronte a un insostenibile aumento dei costi dell’energia”.

Total
15
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
15
Share