Pigliaru sull’incidente a Capo Frasca: “Fatti inconcepibili”

“È inconcepibile che la Regione scopra da fonti non ufficiali che un grave incidente (leggi) è avvenuto oggi a capo Frasca nel corso di una esercitazione militare. È altrettanto inconcepibile che la conferma reale delle dimensioni dell’incendio arrivi solo dopo l’intervento degli uomini del nostro Corpo forestale, e che il ministero della Difesa da noi interpellato attraverso canali informali, parli di un piccolo incendio già domato quando invece l’elicottero del Corpo Forestale era ancora in azione alle 18.30, cinque ore dopo che il proiettile aveva innescato il fuoco”. Così il presidente Francesco Pigliaru interviene sulle deflagrazioni all’interno del poligono militare di capo Frasca.

E l’episodio non è il primo: ieri, con una dinamica analoga, era andato a fuoco un ettaro di cespugli e macchia mediterranea. “Abbiamo disposto che il Corpo Forestale intensifichi le azioni di monitoraggio in tutte le aree circostanti i poligoni”, ha annunciato il presidente Pigliaru. “Tra le richieste che portiamo fermamente avanti nel confronto con la Difesa c’è quella imprescindibile di osservatori ambientali indipendenti e come è evidente, non si può aspettare oltre”. Il presidente ha denunciato di nuovo, come aveva già fatto nel corso della conferenza nazionale sulle servitù militari, gli alti rischi con cui i sardi sono costretti a convivere a causa della massiccia presenza di poligoni usati per le esercitazioni. Il Presidente ha ribadito che tra le richieste presentate al ministro della Difesa nella Conferenza nazionale sulle servitù, c’è quella di prolungare il blocco delle esercitazioni, anticipando l’inizio al primo giugno e posticipando la conclusione al 30 settembre. In particolare il problema riguarda proprio capo Frasca, dove il blocco delle esercitazioni è il più breve tra quelli relativi ai poligoni militari sardi, copre cioè solo luglio e agosto.

 

 

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share