Ppr salvo, bocciata la scorciatoia del Piano casa

Il Piano paesaggistico regionale regge agli attacchi di Solinas e del centrodestra e ottiene dalla Consulta una tutela tradotta di fatto in una bocciatura di una parte importante del Piano casa della Sardegna. La Corte costituzionale si è espressa sul documento, impugnato dal Governo a marzo dello scorso anno. Se è vero che in alcune parti l’organismo è stato più morbido rispetto all’esecutivo, lo è altrettanto il fatto che sono state cassate alcune norme importanti come le deroghe al Ppr che quindi impediscono gli incrementi volumetrici.

La sentenza della Consulta, depositata ieri, fa riferimento a 21 dichiarazioni di illegittimità, 13 di non fondatezza, 3 di inammissibilità. Il Governo aveva contestato ben 27 dei 31 articoli della legge regionale. In generale sono condivise le censure del Governo sulla proroga del Piano casa perché “è proprio l’indefinito succedersi delle proroghe, ancorate all’entrata in vigore di una nuova legge regionale sul governo del territorio o a termini di volta in volta differiti, che interferisce con la tutela paesaggistica e determina il vulnus denunciato dal ricorrente”.

Inoltre, “la legge regionale, consentendo interventi parcellizzati, svincolati da una coerente e stabile cornice normativa di riferimento, trascura l’interesse all’ordinato sviluppo edilizio, proprio della pianificazione urbanistica, e così danneggia il territorio in tutte le sue connesse componenti e, primariamente, nel suo aspetto paesaggistico e ambientale”.

In secondo luogo, la Consulta boccia tutte le norme che derogano al Piano paesaggistico regionale, non derogabile senza una copianificazione Stato-Regione. Il fatto è che in alcuni casi, secondo i giudici, le norme bocciate non “recano alcuna deroga al Ppr”. Da qui la non fondatezza e non ammissibilità delle censure corrispondenti a queste ultime.

In particolare, la Corte ha dichiarato l’illegittimità di buona parte dell’articolo 5 della legge regionale che riguarda gli incrementi volumetrici nelle zone urbanistiche residenziali, di espansione residenziale, turistiche proprio per mancanza di compatibilità con le prescrizioni del piano paesaggistico regionale. Non sono fondate, invece, le censure sugli incrementi in zona A, cioè le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico, di particolare pregio ambientale o tradizionale.

La Consulta salva poi la parte dell’articolo 5 che, allo scopo di prolungare la stagione turistica consente, per un periodo non superiore a duecentoquaranta giorni, la chiusura con elementi amovibili, anche a tenuta, delle verande coperte già legittimamente autorizzate nelle singole strutture turistiche ricettive. Salvo anche l’articolo 6 (Interventi per il riuso e per il recupero con incremento volumetrico dei sottotetti esistenti), il 7 (interventi di recupero dei seminterrati, dei piani pilotis e dei locali al piano terra), l’8 (interventi per il riuso di spazi di grande altezza), e il 28 sulle zone umide.

Su quest’ultimo, in particolare, la Corte dice: “Il ripristino, per le zone umide, della fascia di rispetto di 300 metri dalla linea di battigia non determina, pertanto, la dedotta compromissione della tutela paesaggistica che rappresenta il fulcro di tutte le censure. Ne discende la non fondatezza delle questioni promosse a tale riguardo dal ricorrente, in tutti i profili evocati”.

Intanto arrivano i primi commenti sulla decisione della Consulta. Stefano Deliperi, presidente del Grig (Gruppo intervento giuridico onlus) sottolinea: “La Corte costituzionale prosegue nella sua opera di demolizione giuridica delle norme illegittime poste dall’Amministrazione regionale sarda Solinas”. Poi si sofferma sul dettaglio: “Niente aumenti volumetrici nella fascia costiera, nessuno stravolgimento del piano paesaggistico regionale”.

Duro anche il Wwf che esprime soddisfazione “perché ancora una volta i giudici della Corte Costituzionale hanno ristabilito i principi fondamentali sulla tutela del Paesaggio e dell’ambiente, patrimonio dei sardi e di tutti i cittadini”. Infine, il deputato del Movimento 5 stelle, Mario Perantoni, commentando la sentenza dice: “Molto di più di una bocciatura, un vero e proprio azzeramento. Solinas ora lasci”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
23
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
23
Share